Avvenire di Calabria

Il lockdown in molti casi è stato parziale, determinando effetti eterogenei tra paesi e settori produttivi

Istat: le nuove misure di contenimento hanno frenato la ripresa

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nelle ultime settimane del 2020, il riacutizzarsi dei contagi ha reso necessarie nuove misure di contenimento che hanno frenato la ripresa economica internazionale. Il lockdown in molti casi è stato parziale, determinando effetti eterogenei tra paesi e settori produttivi”. Lo scrive l’Istat nella nota mensile sull’andamento dell’economia italiana relativa al bimestre novembre-dicembre.

In Italia, gli indicatori congiunturali hanno mostrato – rileva l’Istituto di statistica – “un’evoluzione in linea con quella dell’area euro”. A novembre, la produzione industriale e le vendite al dettaglio hanno segnato una flessione. Segnali positivi hanno caratterizzato l’andamento del mercato del lavoro, con una ripresa della tendenza all’aumento dell’occupazione a cui si è accompagnata una decisa riduzione della disoccupazione.

“A fine anno, si è attenuata la fase deflativa dei prezzi al consumo, come effetto di una minore deflazione per i beni energetici e di una moderata ripresa della core inflation. Le aspettative per i prossimi mesi mantengono un elevato grado di incertezza, ma a dicembre la fiducia di famiglie e imprese ha registrato un miglioramento”.

F.P. (Agensir)

Articoli Correlati

fuorisede calabresi

Aumentano i fuorisede. Sempre più calabresi fuori regione

L’Istat fotografa la “fuga” verso il Nord: il virus non ha frenato la tendenza. Dopo le scuole superiori, il futuro dei ragazzi è lontano da casa. Il Mezzogiorno esporta intelligenze: l’arrivo dei giovani laureati permette ovunque un riequilibrio rispetto ai residenti che disertano gli atenei.

Istat, nel 2020 calo record per la spesa media familiare

Il crollo riporta l’Italia ai livelli del 2000. Restano stabili le spese alimentari e quelle per la casa mentre calano drasticamente quelle per tutti gli altri beni e servizi. Quello relativo alla spesa media mensile è il calo più accentuato dal 1997

Istat: a febbraio aumenta complessivamente il clima di fiducia

A febbraio 2021 si stima un aumento sia dell’indice del clima di fiducia dei consumatori (da 100,7 a 101,4) sia dell’indice composito del clima di fiducia delle imprese (da 88,3 a 93,2). È quanto comunica oggi l’Istat diffondendo i dati

Tags: