Avvenire di Calabria

"Educazione, lavoro, dialogo tra generazioni: strumenti per edificare una pace duratura”, questo il titolo dell'iniziativa

La diocesi di Cosenza promuove un incontro sul lavoro giovanile

L’appuntamento è stato organizzato dall’Ufficio pastorale per i problemi sociali e il lavoro dell’arcidiocesi di Cosenza-Bisignano

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La diocesi di Cosenza promuove un incontro sul lavoro giovanile. “Educazione, lavoro, dialogo tra generazioni: strumenti per edificare una pace duratura”. Si muove nel solco del messaggio nazionale per la giornata mondiale della pace l’evento omonimo che si terrà il prossimo 29 gennaio nella parrocchia San Carlo Borromeo di Rende (Cs).

La diocesi di Cosenza promuove un incontro sul lavoro giovanile

L’appuntamento è stato organizzato dall’Ufficio pastorale per i problemi sociali e il lavoro dell’arcidiocesi di Cosenza-Bisignano. Il programma della giornata prevede, dopo l’accoglienza, l’introduzione di don Francesco Bilotto, direttore dell’Ufficio diocesano.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Seguiranno gli interventi di Angela Costabile, docente di Scienze dell’educazione presso l’Università della Calabria, e di don Ennio Stamile, referente regionale di “Libera. Associazioni nomi e numeri contro le mafie”. Sarà l’occasione anche per un focus sul progetto “Il Seminatore”, che la diocesi di Cosenza sta portando avanti da alcuni anni e che riguarda le progettualità imprenditoriali dei giovani.


PER APPROFONDIRE: Lavoro giovanile. La Chiesa reggina avvia un partenariato con aziende ed enti del territorio


A tal proposito seguiranno alcune testimonianze di giovani imprenditori che, grazie al sostegno della diocesi, hanno avviato delle imprese sul territorio diocesano. La giornata si concluderà alle ore 19 con una veglia di preghiera presieduta dall’arcivescovo mons. Francesco Nolè.

Articoli Correlati

cantiere sinodale reggio bova

Reggio-Bova, il “cantiere” sinodale riparte dall’esempio di Betania

«Nessuno si salva da solo», la due giorni vissuta al Soccorso restituisce argomenti per il laicato reggino. La riflessione del Segretario Consulta diocesana per le Aggregazioni Laicali sull’inizio del nuovo anno pastorale: «Gettare la maschera di discussioni e scetticismi che ci fanno camminare col freno a mano tirato».