Avvenire di Calabria

L'esperienza di monsignor Giovanni Battista Scalabrini e don Domenico Farias al centro di un confronto

L’accoglienza dei migranti a Reggio Calabria, sabato un incontro

L'iniziativa è promossa dall'Ufficio diocesano “Migrantes

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Domani, sabato 21 maggio, nel Seminario arcivescovile Pio XI di Reggio Calabria, si terrà un convegno sui due pionieri della pastorale della solidarietà e dell'accoglienza dei migranti del secolo scorso e sugli orientamenti e l’azione della Chiesa oggi

Già sul finire del 1800, davanti alle masse di italiani che si imbarcavano per l’America e  gli stagionali che si spostavano verso le risaie di Piemonte e Lombardia, monsignor Giovanni Battista Scalabrini, vescovo di Piacenza, affinò la sua sensibilità e la sua visione del fenomeno migratorio sostenendo, con una notevole produzione di scritti e lettere pastorali ed un’ancora più estesa opera umanitaria, che l’assistenza a favore degli emigranti doveva essere integrale: partire dall’azione religiosa per arrivare alla tutela legale, morale, culturale, sanitaria e sindacale.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Come il grande vescovo del Nord, cent’anni dopo, a Reggio Calabria, un’altra luminosa figura della Chiesa, don Domenico Farias, docente di Filosofia del diritto e straordinario intellettuale, ha saputo accogliere con lungimiranza le prime comunità di stranieri che si insediavano nello Stretto di Messina ed oggi la sua casa nel centro storico della città è diventata luogo di assistenza spirituale e materiale per chi non deve sentirsi straniero. Il prete reggino fu capace di coniugare la questione meridionale e le sue radici culturali con la mondialità. Di lui, il giornalista e vaticanista Luigi Accattoli scrisse “l’uomo più colto che io abbia conosciuto e insieme il più umile”.

A raccontare monsignor Scalabrini e don Farias, ed evidenziare la sorprendente attualità del loro pensiero e della loro azione, saranno, rispettivamente, Padre Gabriele Bentoglio, direttore dell’Ufficio diocesano “Migrantes”, e il dottor Augusto Sabatini, del Movimento Ecclesiale di Impegno Culturale. L’appuntamento è per sabato 21 maggio alle ore 10 nell’Aula Magna del Seminario Arcivescovile.

In questo 2022 ricorrono i 25 anni dalla Beatificazione di monsignor Giovanni Battista Scalabrini, indicato da Giovanni Paolo II come Padre dei migranti, ed i 20 anni dalla morte di don Domenico Farias. Il loro ricordo si colloca nel seminario di studi, organizzato dal Centro Diocesano “Migrantes” e dalle Cooperative Demetra e Res Omnia, per sviluppare un’analisi sul fenomeno delle migrazioni, con il prezioso contributo di monsignor Franco Agnesi, vicario generale e vescovo ausiliare di Milano, membro della Commissione per le migrazioni della Conferenza episcopale italiana.

“Migranti ieri e oggi: persone, non numeri” è l’eloquente titolo del seminario che porterà a scoprire come l’orientamento ed il sostegno della Chiesa, nello specifico un finanziamento della Cei, si traducono in un progetto sociale promosso dalle Cooperative Demetra e Res Omnia, che mira all’accoglienza dei migranti presso Casa Farias, un servizio di pronto intervento con operatori di strada, il superamento della condizione di disagio e di bisogno e l’accompagnamento all’autonomia ed al lavoro di chi fugge da situazioni di guerra e povertà. Sarà la dottoressa Cristina Ciccone, presidente della Cooperativa Demetra, ad illustrare i contenuti del progetto “Libero di essere me stesso”, che testimonia l’impegno accanto ai migranti di tante persone di buona volontà nella città metropolitana e nella diocesi reggina-bovese.


PER APPROFONDIRE: Migranti a Reggio Calabria, altri sbarchi


La conclusione dei lavori è affidata all’Arcivescovo di Reggio Calabria-Bova, monsignor Fortunato Morrone.

Articoli Correlati

Padre Mundjo Benoit riceve la cittadinanza onoraria di San Roberto

Si è spento padre Mundjo Benoit, domani le esequie a San Roberto

Il sacerdote Wilondja Mundjo Benoit, di origini congolesi, ha concluso ieri la sua vita terrena. Era il pastore della comunità di San Roberto (Reggio Calabria) dal 2002. Prima era stato vicario parrocchiale nella parrocchia San Pio X al Santuario di Modena. Si è sempre distinto per i suoi tratti umani e per la sua grande bontà. Era anche punto di riferimento per la comunità congolese a Reggio Calabria.

50 anni fa a Riace il ritrovamento dei Bronzi

Era il 16 agosto del 1972 quando al largo delle coste di Riace, in Calabria, dopo una segnalazione del sub Stefano Mariottini, i carabinieri riportavano alla luce due statue uniche al mondo, i Bronzi di Riace.