Avvenire di Calabria

Il ministro dell'interno a Catanzaro ha sottoscritto con la Regione il protocollo per l'attivazione del "Nue"

Lamorgese in Calabria attiva il numero unico emergenze “112”

L'esponente del Governo Draghi si è soffermata anche su altri temi, ribadendo grande attenzione verso la regione

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il ministro dell'Interno Luciana Lamorgese, è giunta stamani a Catanzaro dove ha sottoscritto, con la Regione Calabria, rappresentata dalla vicepresidente Giusi Princi, il Protocollo sul Numero unico d'emergenze 112. Alla firma dell'atto, che si è svolta nella Prefettura del capoluogo, erano presenti il prefetto Maria Teresa Cucinotta e il vicecapo della Polizia Stefano Gambacurta.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


«La Calabria - ha detto il ministro Lamorgese - è una regione verso la quale c'è una grande attenzione. L'attivazione del Numero unico 112 che deriva da una direttiva europea rappresenta un fatto molto importante e personalmente tenevo molto a essere qui presente alla firma. Il Nue - ha aggiunto - è un sistema dall'uso molto facilitato che consente, ad esempio in caso di incidenti stradali, la geolocalizzazione e quindi la tempestività degli interventi».

Il servizio, è stato detto nel corso della manifestazione, sarà attivato all'interno della Cittadella regionale e a gestirlo sarà Azienda Zero di cui è commissario straordinario Giuseppe Profiti.


PUÒ INTERESSARTI ANCHE: Oppido – Palmi, nuove nomine del vescovo Milito


Dopo la firma del Protocollo e prima della riunione del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica il Ministro ha incontrato privatamente il procuratore della Repubblica di Catanzaro Nicola Gratteri. 

Articoli Correlati

50 anni fa a Riace il ritrovamento dei Bronzi

Era il 16 agosto del 1972 quando al largo delle coste di Riace, in Calabria, dopo una segnalazione del sub Stefano Mariottini, i carabinieri riportavano alla luce due statue uniche al mondo, i Bronzi di Riace.