Avvenire di Calabria

Insieme all'impegno dei volontari, sono tante le aziende e i singoli cittadini che si sono impegnati per i più bisognosi

L’impegno della Caritas lametina non va in vacanza

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La solidarietà non conosce confini e vacanze. In questi giorni, infatti, sono stati numerosi i gruppi di volontari che hanno offerto parte del loro tempo alla Caritas diocesana per rendere un servizio nei confronti di chi è meno fortunato e si trova in difficoltà.

“In questo periodo particolarmente difficile - ha dichiarato il direttore della Caritas, don Fabio Stanizzo –, che ha visto anche aumentare le povertà con un incremento di richieste, abbiamo registrato tanta solidarietà da parte di aziende che hanno offerto viveri e da parte di gruppi e/o di singoli cittadini che si sono fatti prossimi con chi è meno fortunato e che noi ringraziamo. Si tratta di gesti importati che assumono una rilevanza particolare anche per il momento di difficoltà che si registra nel mondo”.

Oltre al Rotary club, infatti, sono state numerose le aziende che hanno rifornito le dispense della Caritas diocesana aderenti alla “associazione culturale enogastronomia revolution” (Azienda agricola Agria di Lamezia Terme; Masseria i Risi di Lamezia Terme; Apicoltura Galati di Curinga; Panificio Pascuzzo di Parenti, in provincia di Cosenza; chef Luca Caligiuri, “osteria degli artisti” di Lamezia Terme; panificio Enzo Torcasio di Lamezia Terme; caffe’ Campisi di Lamezia Terme).

s.m.g.

Articoli Correlati

Alloggi popolari

Alloggi popolari, un tetto non basta: dislocare per includere davvero

Caos alloggi popolari a Reggio Calabria. Muro contro muro tra Comune e associazioni dei beneficiari, sbagliato accentrare in un unica area. La Caritas reggina analizza i dati a propria disposizione su analfabetismo in età adulta e abbandono scolastico nei quartieri a rischio.