Avvenire di Calabria

Il mese di luglio è da ricordare non solo per i moti scoppiati nel 1970, è in questo periodo infatti che risalirebbe la fondazione della città

Luglio non solo mese della Rivolta, la proposta di monsignor Nunnari e Amato

22 anni fa l'arcivescovo emerito di Cosenza-Bisignano e il docente universitario di storia lanciavano l'idea di istituzionalizzare la data del 14 luglio

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il 14 luglio del 1970 ebbe inizio la Rivolta di Reggio Calabria, la mobilitazione più lunga della storia di Europa che non ha mancato di produrre effetti drammatici. Da allora sono passati 52 anni, durante i quali c'è chi ha avanzato proposte originali e interessanti per legare ancor di più la memoria dei reggini a quegli eventi su cui ancora tanto c'è da riflettere.

In questi giorni la memoria dei reggini non può che proiettarsi alla Rivolta di Reggio. In questo stesso periodo di 52 anni scoppiava, infatti, la rivolta più lunga della storia d'Europa.

Rivolta di Reggio, la proposta di monsignor Nunnari e del professor Amato

Il mese di luglio, proprio per quegli eventi, non ha caso è definito un mese simbolo per la città di Reggio Calabria. Ma non lo è solo per i fatti del '70. Nello stesso mese di 2750 anni fa, infatti, arrivarono quelli che sarebbero stati i fondatori dell'antica Reghion.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Due momenti cruciali così distanti nel tempo, ma così vicini che appartengono alla memoria storica dei reggini e andrebbero, oltre che ricordati, in qualche modo celebrati. È in tale direzione che muoveva la proposta lanciata ben 22 anni orsono, dal sempre vulcanico docente di storia all'Università di Messina (oggi alla Dante Alighieri), lo storico Pasquale Amato e dall'altrettanto innamorato della propria terra, monsignor Salvatore Nunnari, all'epoca vescovo di Sant'Angelo dei Lombardi, oggi arcivescovo emerito di Cosenza-Bisignano.

Cosa proposero ad inizio millennio Amato e monsignor Nunnari? La loro proposta fatta ai reggini, al consiglio comunale, ai parlamentari e agli amministratori provinciali consisteva nell'istituzionalizzare il 14 luglio, celebrando ogni anno la festa del «Giorno natale di Reggio Calabria». Per lo storico e il prelato si sarebbe tratto di «costituire una fusione felice tra l'anno di nascita della città e il giorno d'inizio della rivolta del 1970 a Reggio Calabria».

Istituzionalizzare il 14 luglio

Così proseguiva la proposta di Pasquale Amato e monsignor Salvatore Nunnari: «La ricorrenza una volta rivestita del crisma dell'ufficialità, assumerebbe lo spessore complessivo dell'intera lunga storia della città più antica della Calabria».


PUÒ INTERESSARTI ANCHE: La Rivolta, l’impegno di don Italo e i volontari sessantottini


Per Amato e monsignor Nunnari, insomma, una decisione in merito avrebbe avuto un forte impatto simbolico e unificante per una serie di ragioni non solo legate alla Rivolta di Reggio. Innanzitutto, a loro dire, avrebbe ribadito «la trazione pre-greca del Villaggio-Stato patriarcale di re Italo da cui è partito il nome Italia». Inoltre avrebbe riconosciuto «l'entrata ufficiale nella storia della polis Reghion nell'anno 730 avanti Cristo, indicando luglio come mese d'arrivo dei fondatori». Inoltre, avrebbe scelto «come data plausibile il giorno d'inizio della Rivolta popolare urbana più lunga della storia europea».

Articoli Correlati

La migrazione è ricchezza anche per chi accoglie

La migrazione può essere ricchezza per chi accoglie? In vista della Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato che si celebra il 25 settembre, il Papa ci offre tanti spunti di riflessione.