Avvenire di Calabria

Le origini di un culto antico

Maggio è il mese dedicato alla Madonna, il perché di una devozione molto sentita

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il mese di maggio, tradizionalmente mese mariano, per vivo desiderio di papa Francesco, quest’anno è dedicato a una “maratona” di preghiera per invocare la fine della pandemia e per la ripresa delle attività sociali e lavorative. Il Pontefice ha voluto coinvolgere in questa iniziativa tutti i santuari del mondo, perché «si rendano strumenti per una preghiera di tutta la Chiesa».

Sacerdoti, famiglie e fedeli tutti, sono stati invitati a unirsi a questa preghiera di intercessione e speranza alla beata vergine. Con la preghiera del Rosario, ogni giornata del mese è caratterizzata da un’intenzione di preghiera per le varie categorie di persone maggiormente colpite dal dramma della pandemia: per coloro che non hanno potuto salutare i propri cari, per il personale sanitario, per i poveri, i senza tetto e le persone in difficoltà economica e per tutti i defunti.

Ogni santuario del mondo è stato invitato a pregare nel modo e nella lingua in cui la tradizione locale si esprime, per invocare la ripresa della vita sociale, del lavoro e delle tante attività umane rimaste sospese durante la pandemia. Tutti possano dedicare un momento alla preghiera quotidiana, in macchina, per la strada, con lo smartphone e grazie alle tecnologie della comunicazione.

È stato papa Francesco ad aprire la preghiera, lo scorso primo maggio all’interno dello Stato della città del Vaticano. Lo ha fatto pregando presso la Madonna del Soccorso, un’icona venerata già nel VII secolo raffigurata in un affresco sopra l’altare di San Leone, presso il transetto meridionale In preghiera con il Rosario della primitiva basilica vaticana.

Ma da dove trae origine la devozione per Maria? La storia ci porta al Medio Evo, ai filosofi di Chartres nel 1100 e ancora di più al XIII secolo, quando Alfonso X detto il saggio, re di Castiglia e Leon, in “Las Cantigas de Santa Maria” celebrava Maria come: «Rosa delle rose, fiore dei fiori, donna fra le donne, unica signora, luce dei santi e dei cieli via (...)». Di lì a poco il beato domenicano Enrico Suso di Costanza mistico tedesco vissuto tra il 1295 e il 1366 nel Libretto dell’eterna sapienza si rivolgeva così alla Madonna: «Sii benedetta tu aurora nascente, sopra tutte le creature, e benedetto sia il prato fiorito di rose rosse del tuo bei viso, ornato con il fiore rosso rubino dell’Eterna Sapienza!».

Il Medio Evo vede anche la nascita del Rosario, il cui richiamo ai fiori è evidente sin dal nome. Le prime pratiche devozionali, legate in qualche modo al mese di maggio risalgono però al XVI secolo. In particolare a Roma san Filippo Neri, insegnava ai suoi giovani a circondare di fiori l’immagine della Madre, a cantare le sue lodi, a offrire atti di mortificazione in suo onore.

L’indicazione di maggio come mese di Maria lo dobbiamo però al padre gesuita Annibale Dionisi. Un religioso di estrazione nobile, nato a Verona nel 1679 e morto nel 1754 dopo una vita, a detta dei confratelli, contrassegnata dalla pazienza, dalla povertà, dalla dolcezza. Nel 1725 Dionisi pubblica a Parma con lo pseudonimo di Mariano Partenio “Il mese di Maria o sia il mese di maggio consacrato a Maria con l’esercizio di vari fiori di virtù proposti a’ veri devoti di lei”. Tra le novità del testo l’invito a vivere, a praticare la devozione mariana nei luoghi quotidiani, nell’ordinario, non necessariamente in chiesa «per santificare quel luogo e regolare le nostre azioni come fatte sotto gli occhi purissimi della Santissima Vergine».

Negli stessi anni, per lo sviluppo della devozione mariana sono importanti anche le testimonianze dell’altro gesuita padre Alfonso Muzzarelli che nel 1785 pubblica “Il mese di Maria o sia di Maggio” e di don Giuseppe Peligni. Il resto è storia recente. La devozione mariana passa per la proclamazione del Dogma dell’Immacolata concezione (1854) cresce grazie all’amore smisurato per la Vergine di santi come don Bosco, si alimenta del sapiente magistero dei Papi.

Nell’enciclica Mense Maio datata 29 aprile 1965, Paolo VI indica maggio come «il mese in cui, nei templi e fra le pareti domestiche, più fervido e più affettuoso dal cuore dei cristiani sale a Maria l’omaggio della loro preghiera e della loro venerazione. Ed è anche il mese nel quale più larghi e abbondanti dal suo trono affluiscono a noi i doni della divina misericordia».

Articoli Correlati

Tv2000: Prega con noi, oggi il rosario da Vercelli

Tv2000 e InBlu2000 invitano i fedeli, le famiglie e le comunità religiose a ritrovarsi oggi, mercoledì 3 febbraio, alle 21, per recitare insieme il Rosario. La preghiera sarà trasmessa dal santuario della Madonna degli Infermi a Vercelli.

Solennità dell’Immacolata Concezione: Rosario con i media Cei

Oggi alle 21, fedeli e comunità potranno partecipare al Rosario che sarà trasmesso in diretta da Tv2000 e InBlu Radio (in streaming sui siti di Avvenire e dell’agenzia Sir e sui canali social ufficiali della Cei), dalla chiesa di S. Maria Immacolata

Oggi 8 maggio si rinnova la supplica alla Madonna di Pompei

Papa Francesco ha esortato «tutti ad unirsi spiritualmente a questo popolare atto di fede e di devozione» che si compie ogni anno, a mezzogiorno, l’8 maggio e la prima domenica di ottobre. La preghiera fu scritta nel 1883 da Bartolo Longo

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.