Avvenire di Calabria

Si conclude l'iter del provvedimento emesso dal Tribunale di Crotone

‘Ndrangheta, confiscati 2,5 milioni di euro alla cosca Arena

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Beni per 2,5 milioni di euro sono stati confiscati dai finanzieri della Compagnia di Crotone a esponenti della cosca Arena di Isola Capo Rizzuto, al termine di indagini patrimoniali coordinate dal capo della Dda di Catanzaro Nicola Gratteri, dall'aggiunto Vincenzo Luberto e dal pm Domenico Guarascio. Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale di Crotone - Ufficio misure di prevenzione su richiesta della Dda.

I beni erano stati sequestrati nel dicembre 2016. Le indagini hanno riguardato Nicola Arena (80 anni), Massimo Arena (52), Pasquale Arena (50), Salvatore Arena (26), Francesco Ponissa (57) e Luigi Tarasi (54), condannati a vario titolo, a esclusione di Pasquale Arena, per turbata libertà degli incanti, estorsione, usura, aggravante dal metodo mafioso. La confisca ha riguardato beni immobili, aziende operanti nei settori della coltivazione e del commercio, e polizze assicurative. Gli indagati sono stati sottoposti alla sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel comune di residenza.

Articoli Correlati

Gioco d’azzardo, gli affari della ‘ndrina Arena a Malta

La Guardia di Finanza di Crotone ha sequestrato una società bookmaker malterse e sette attività economiche del territorio calabrese operanti nel settore del gaming. Sono tutti riconducibili alla potente cosca di Isola Capo Rizzuto.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.