Avvenire di Calabria

Un giorno di liberazione per la Locride: lo Stato bissa il successo contro la 'ndrangheta con operazioni speciali

Doppio colpo contro la ‘ndrangheta: estradato Morabito e fermate le nuove leve dei Cordì

Dal Sud America è stato estradato il super boss Rocco Morabito alias "Tamunga", re del narcotraffico internazionale

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un giorno di liberazione per la Locride: lo Stato bissa il successo contro la 'ndrangheta con operazioni speciali. Dal Sud America è stato estradato il super boss Rocco Morabito alias "Tamunga", re del narcotraffico internazionale.

Estradizione Morabito e operazione "New Generation", scacco matto alla 'ndrangheta nella Locride

Stamattina l'Arma dei Carabinieri ha reso note due operazione - distinte tra loro - dall'alto valore nella lotta alla criminalità organizzata in Calabria.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


L'estradizione di Morabito

Il boss della 'ndrangheta Rocco Morabito, 56 anni, considerato uno dei più importanti trafficanti internazionali di droga al mondo, è atterrato all'aeroporto di Roma - Ciampino nella mattinata di oggi, estradato dal Brasile, dove era stato arrestato il 25 maggio 2021 dalla polizia federale brasiliana, nel corso di un'operazione congiunta con i Carabinieri del ROS e del Comando Provinciale di Reggio Calabria, supportati dal Servizio di Cooperazione Internazionale di Polizia - progetto I-CAN e dalle agenzie statunitensi DEA e FBI. Deve scontare una pena definitiva di 30 anni di reclusione.


PUÒ INTERESSARTI ANCHE: Rocco Morabito, ‘U Tamunga’. Ecco chi è il re della cocaina


L'operazione "New Generation"

I carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria hanno eseguito stamattina un’operazione, denominata “New Generation-Riscatto II”, contro la cosca Cordì di Locri della ‘ndrangheta. L’operazione ha portato all’arresto di 29 persone in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip distrettuale di Reggio Calabria su richiesta della Dda, diretta da Giovanni Bombardieri.

Arresti nell’ambito dell’operazione sono stati eseguiti, oltre che nel reggino e nella Locride, nelle province di Pavia, Udine, Terni e Catanzaro. Le persone coinvolte sono accusate, a vario titolo, di associazione per delinquere di tipo mafioso; produzione, traffico e detenzione illegale di sostanze stupefacenti; detenzione illegale di armi e munizioni, danneggiamento, estorsione pluriaggravata e traffico e spendita di banconote false.

L’operazione rappresenta il seguito dell’inchiesta “Riscatto” che, nell’agosto del 2019, aveva portato all’arresto di numerose persone presunte affiliate alla stessa cosca Cordì.

Articoli Correlati

50 anni fa a Riace il ritrovamento dei Bronzi

Era il 16 agosto del 1972 quando al largo delle coste di Riace, in Calabria, dopo una segnalazione del sub Stefano Mariottini, i carabinieri riportavano alla luce due statue uniche al mondo, i Bronzi di Riace.