Avvenire di Calabria

Monsignor Giuseppe Acquaro e don Alfonso Franco hanno festeggiato il 60esimo anniversario di ordinazione presbiterale

Oppido – Palmi, diocesi in festa per due 60° di sacerdozio

Entrambi ordinati dal monsignor De Chiara, hanno pronunciato il loro "Sì" il 29 giugno del 1962 nella Cattedrale di Mileto

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Insieme, fanno 120 anni di sacerdozio: doppia festa, ieri, nella diocesi di Oppido - Palmi, in occasione del 60esimo anniversario di ordinazione di due suoi presbiteri.

La Chiesa di Oppido - Palmi ha celebrato ieri, mercoledì 29 giugno, una doppio brillante traguardo raggiunto da due sacerdoti, appartenenti al clero pianigiano. Entrambi sono stati ordinati il 29 giugno del 1962, nella cattedrale di Mileto, da monsignor Vincenzo De Chiara, vescovo diocesano. Sono monsignor Giuseppe Acquaro e don Alfonso Franco.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Monsignor Giuseppe Acquaro, nato a Cittanova il 01 gennaio 1936, è stato parroco della Parrocchia di San Teodoro in Rizziconi dal 1964 al 1974. Docente in numerosi Istituti dello Stato, per molti anni è stato Preside del Liceo Classico “San Paolo” in Oppido Mamertina e Vicario Generale della Diocesi dal 2013 al 2018.


PUÒ INTERESSARTI ANCHE: Oppido – Palmi, nuove nomine del vescovo Milito


Don Alfonso Franco, nato a Taurianova il 24 agosto 1937 è stato parroco della Parrocchia dei Santi Apostoli Pietro e Paolo in Taurianova dal 1967 al 2019. Docente in diversi Istituti dello Stato e Preside per molti anni del Liceo Classico “San Paolo” in Oppido Mamertina e dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose della Diocesi, è attualmente Cappellano del Monastero della Visitazione di Taurianova.

Articoli Correlati

50 anni fa a Riace il ritrovamento dei Bronzi

Era il 16 agosto del 1972 quando al largo delle coste di Riace, in Calabria, dopo una segnalazione del sub Stefano Mariottini, i carabinieri riportavano alla luce due statue uniche al mondo, i Bronzi di Riace.