Avvenire di Calabria

Il compleanno ha preceduto di poco il 65esimo anniversario della sua ordinazione sacerdotale.

Padre Bruno Mioli taglia il traguardo dei 90 anni

Per l'occasione, quattro giorni di festeggiamenti nella parrocchia di Sant'Agostino, in onore del missionario scalabriniano

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sono state serate di preghiera, di musica, di ricordi e, soprattutto, di festa quelle di giovedì 21, sabato 23, domenica 24 e lunedì 25 febbraio, nella parrocchia dei Santi Filippo e Giacomo in Sant’Agostino, a Reggio Calabria. Gli eventi sono stati realizzati dagli amici di padre Bruno Mioli, che il 25 febbraio ha tagliato il traguardo dei 90 anni. Il compleanno ha preceduto di poco il 65esimo anniversario dell’ordinazione sacerdotale di padre Bruno, avvenuta il 19 marzo 1954. Per queste felici ricorrenze è stata pensata anzitutto un’ora di preghiera, giovedì 21 febbraio, alle 18, animata dal canto e dall’adorazione silenziosa del Santissimo Sacramento, intervallati dalla lettura di brani presi dagli scritti del Beato Giovanni Battista Scalabrini, fondatore dei Missionari di San Carlo, congregazione religiosa a cui appartiene anche padre Bruno. Poi, sabato 23 febbraio, alle 18,30, con l’intervento dei più piccoli della parrocchia, sono stati messi in scena i ricordi di vita di Padre Bruno, con fotografie e rappresentazioni mimate. Domenica 24 febbraio, alle 18,30, la chiesa di Sant’Agostino ha ospitato il coro San Paolo, che presenterà una selezione polifonica con brani di meditazione. Finalmente, lunedì 25 febbraio è arrivato il giorno del novantesimo genetliaco: Padre Bruno ha presieduto la concelebrazione eucaristica, alle 17.30, nella chiesa di Sant’Agostino. A seguire, nella sala parrocchiale, un momento di festa. Padre Bruno è missionario secondo il carisma del beato Giovanni Battista Scalabrini, con particolare attenzione ai migranti, ai profughi e ai rifugiati. È stato educatore nei seminari del suo Istituto e, per molti anni, ha prestato servizio nella Fondazione “Migrantes” della Conferenza Episcopale Italiana.

Articoli Correlati

Reggio, a Natale ha vinto la solidarietà

Le vecchie e le nuove forme di vicinanza ai tempi del Covid. Le iniziative portate avanti sul territorio durante il periodo natalizio. “Quest’anno, le feste sono essenziali, ma pur sempre di gioia e amicizia”

Storie di accoglienza, l’avvocato congolese che aiuta gli ultimi

Valentin Munanga è arrivato dal Congo nel 1994 e si è stabilizzato a Reggio Calabria. È testimone dell’integrazione che si respira in riva allo Stretto: “Sono contento di offrire il mio servizio in questo Centro, ci fa sentire tutti membri dell’unica famiglia”.

Storie di accoglienza in Calabria, l’esempio di Hanane

Nel centro storico di Reggio Calabria, la comunità di Sant’Agostino è una fucina per chi vuole dare una mano, senza alcuna distinzione di razza. Una prossimità autentica, con attività di aiuto nel primo impatto con il territorio.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.