Avvenire di Calabria

Si rinnova l'iniziativa del Lions Club Reggio Calabria Host

Pasqua, un dono ai bambini di Villa Betania

Anche quest'anno donate uova di Pasqua ai piccoli ospiti della Congregazione delle Figlie di Maria Santissima Corredentrice

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un segno di amore e gioia pasquale quello che il Lions Club Reggio Calabria Host rinnova anche quest’anno a favore dei bambini di Villa Bethania.

Il Lions Club Reggio Calabria Host ha regalato le “uova di Pasqua” a tutti i bambini ospitati e protetti dalla Congregazione delle Figlie di Maria Santissima Corredentrice della Diocesi reggina. Presso Villa Bethania vi trovano riparo numerosissimi bambini di tutte le fasce d’età e attraverso il conforto degli operatori e dei volontari riescono a recuperare la propria serenità in un’oasi di pace nel cuore della città.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Le uova di Pasqua pensate per ciascuno dei ragazzi della Villa sono state consegnate dal Presidente del Lions Club Host Avv. Giuseppe Strangio accompagnato dai Soci Pino Tripodi e Domenico Tripodi nel solco del Service “Per il sorriso di un bambino” coordinato anche quest’anno dal socio Sandro Borruto.

Ad accoglierli anche in questa occasione la bravissima Suor Anna che ha spalancato loro le porte della Villa lieta del gesto nobile del Club che ha inteso regalare una gioia a quei ragazzini che vivono una condizione familiare difficile e spesso estrema.

La Congregazione delle Figlie di Maria Santissima Corredentrice è stata fondata da Don Dante Forno e suor Maria Salemi. Questi, trasferitosi a Reggio nell’autunno del 1958, fu accolto da S.E. Mons. Giovanni Ferro, Arcivescovo di Reggio Calabria che il 25 Marzo 1963 emise il decreto di approvazione del nascente istituto. Mons. Ferro lavorò perché la Congregazione si orientasse verso attività apostoliche esterne. Fu istituita da subito una sezione di scuola materna aperta a tutti e si continuò a dare grandissima importanza alla vita di preghiera, sia nella forma individuale che comunitaria, con particolare riguardo alla pietà eucaristica.

Oggi, oltre ai tanti ragazzini di Villa Bethania di via Eremo Condera, la Congrega si occupa anche di quelli ospitati nella Domus Nazareth di via Filippini, sempre a Reggio Calabria.


PER APPROFONDIRE: Alla scoperta della grande famiglia di Villa Bethania a Reggio Calabria


«Il Lions Club Reggio Calabria Host nel corso di questo anno sociale, nonostante l’emergenza pandemica, ha operato alacremente nel sociale ed è significativamente cresciuto anche numericamente raggiungendo ben 50 soci, potendo così moltiplicare le iniziative a favore della città e, soprattutto, di chi è più in difficoltà anche a causa dell’emergenza sanitaria in atto che è rapidamente divenuta anche emergenza sociale» ha chiarito il Presidente Strangio. «Proseguiremo l’impegno dei Lions per Reggio Calabria anche nei prossimi giorni grazie all’atteso arrivo in città di oltre 500 Lions provenienti da tutto il sud Italia e che proprio a Reggio, nelle giornate dal 6 all’8 maggio, celebreranno il XXVI Congresso Distrettuale nella magica cornice del Teatro Cilea».

Articoli Correlati

50 anni fa a Riace il ritrovamento dei Bronzi

Era il 16 agosto del 1972 quando al largo delle coste di Riace, in Calabria, dopo una segnalazione del sub Stefano Mariottini, i carabinieri riportavano alla luce due statue uniche al mondo, i Bronzi di Riace.