Avvenire di Calabria

Parte del ricavato della vendite sarà devoluto alla Comunità Sant'Egidio

Raccontare Sambatello, il libro di Matteo Gangemi

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sarà presentato lunedì 19 luglio alle ore 17,30 al Parco della Mondialità a Gallico il volume “Raccontare Sambatello. Dalle origini ai giorni nostri, un passato sempre vivo nella memoria” edito da Gangemi Editore di Matteo Gangemi.

Uno strumento che accompagna il lettore nel far rivivere la memoria, una memoria che richiama ai luoghi per scoprire e svelare la nostra identità, per costruire un futuro i cui valori siano il presupposto per il progresso sociale a cui aspiriamo e che dobbiamo determinare con la nostra sensibilità, con azioni propositive, per vivere in un mondo sempre più consono al nostro essere.

Matteo Gangemi è nato a Reggio Calabria nel quartiere di Sambatello, è Architetto e Dottore di ricerca in Beni e Attività culturali. Impegnato sin da giovane nel sociale e nella promozione del territorio. L’incontro sarà moderato da Teresa Pensabene, Docente di scuola primaria. Interverranno oltre all’autore, Domenico Siclari, Docente Università per Stranieri “D. Alighieri” di Reggio Calabria, Nicola Irto, Vice-Presidente del Consiglio Regionale e Antonio Palmenta, Docente di discipline pittoriche che leggerà alcune poesie. Parte del ricavato sarà devoluto in beneficenza dall’editore Gangemi alla Comunità di Sant’Egidio

Articoli Correlati

Il libro, ecco il Leonardo dell’Alto Medioevo

Il volume è composto di più contributi sulla sua figura poliedrica: “Fu cancelliere di Teodorico fine letterato, biblista primo umanista, amato e studiato dai più colti. Modello di vita e santità”. Il Vivarium, a Squillace, fu da lui fondato”.

«Behind the fence – diario di un prigioniero di guerra»

L’associazione Capys presenta il libro postumo di Biagio Monteleone, poeta, scritto e professore di Scido. L’evento sarà condotto dalla poetessa e scrittrice reggina Angela Zumbo, con l’intervento della figlia dell’autore Carmen Miranda Monteleone.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.