Avvenire di Calabria

Un servizio grazie al quale in questi mesi segnati dal conflitto si è donato supporto e aiuto ai piccoli profughi ospiti in riva allo Stretto

Reggio Calabria, continua l’impegno del Comitato per bambini e mamme ucraine

Diverse le famiglie presenti in città che usufruiscono del servizio di Sportello e Ascolto della Coop Demetra e di Agape

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Continua l’attività del Comitato per i Bambini e le Madri dell’ucraina a sostegno dei profughi della guerra, che si esplicita garantendo viveri, medicine, vestiario, assistenza sanitaria e, ove occorra, psicologica, sia ai nuclei ospitati in alloggi autonomi messi a disposizione dal Comitato e da cittadini solidali, che ai profughi che risiedono da amici o parenti.

La cooperativa “Demetra” ed Agape continuano anche a svolgere servizio di Sportello e di Ascolto per gli stessi profughi ucraini, volto alla rilevazione dei bisogni, e offrono supporto per quanto attiene le pratiche amministrative e legali (per esempio per ottenere il permesso di soggiorno, il sussidio del Governo o la tessera di libera circolazione Atam) e la mediazione interculturale. Oltre a quelle seguite dal Comitato (in atto 18 adulti e 20 minori), lo Sportello ha supportato circa altre 20 famiglie.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Il Comitato è altresì impegnato a favorire l’inserimento dei bambini ucraini nei Centri estivi vicini alle loro residenze gestiti da associazioni, parrocchie, gruppi sportivi. Al momento alcuni bambini hanno cominciato a frequentare i Centri estivi grazie alle associazioni e parrocchie che hanno dato immediata disponibilità ad accoglierli gratuitamente.

Per dare continuità agli interventi avviati, presso la sede di Agape tutti i pomeriggi sarà disponibile nei mesi di giugno, luglio, agosto, una volontaria di Agape a svolgere funzione di segreteria, coordinamento e raccolta esigenze che saranno evidenziate dai diversi tutor che seguono le famiglie: consegna viveri, vestiario, medicine non prescrivibili, assistenza sanitaria, acquisto carne e ortaggi per famiglie che non hanno ancora il contributo statale, emergenze varie.

Le spese necessarie, unitamente a quelle relative ad affitti, acquisto elettrodomestici, riparazioni, utenze, ecc., saranno fronteggiate, fino ad esaurimento fondi, con i 10.700 €. raccolti con la sottoscrizione effettuata al Teatro Comunale Cilea, in occasione dello spettacolo di solidarietà con profughi ucraini. Naturalmente nei prossimi mesi sarà necessario reperire altre risorse per supportare chi resterà a Reggio.

Al momento il flusso di nuovi arrivi si è praticamente fermato, ed anzi un paio di nuclei di mamme e bambini ci hanno salutati e sono tornati in Ucraina.

Particolarmente emozionante è stato il saluto con la prima famiglia che abbiamo accolto; la mamma ed i bambini hanno ringraziato il Comitato per l’aiuto e l’affetto ricevuto, e sono ripartiti per Leopoli per riabbracciare il papà e marito: il desiderio di riunire la famiglia ha prevalso su tutto, anche sui rischi di guerra ancora incombenti.


PUÒ INTERESSARTI ANCHE: Carovana della pace in Ucraina, Savino (Cei) in visita a Odessa


Altri nuclei stanno attendendo che la situazione divenga più tranquilla con la speranza di poter rientrare nel loro territorio, perché la sofferenza dei bambini e delle mogli lontani dai papà e dai mariti è sempre più pesante; altri però hanno intenzione di rimanere in Italia, in qualche caso perché hanno perso tutto, e sono in cerca di un lavoro che gli permetta di ottenere un reddito di sussistenza.

Articoli Correlati

Cutro, sacrificio inutile? Un anno di indifferenza

Oggi è il primo anniversario del naufragio, costato la vita a 94 persone (altre venti risultano ancora disperse) che speravano di trovare un futuro migliore in Italia ed in Europa. Cosa è cambiato?