Avvenire di Calabria

Venerdì 16 febbraio, presso il Polo culturale 'Mattia Preti' del Consiglio Regionale della Calabria

Reggio Calabria, presentazione dell’ultimo libro di Vito Teti

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’attività culturale del Circolo culturale G. Calarco prosegue venerdì 16 febbraio con la presentazione di “Quel che resta- L’Italia dei paesi, tra abbandoni e ritorni” di Vito Teti pubblicato da Donzelli editore (2017) che si svolgerà presso la sala del ‘Polo culturale Mattia Preti’ di Palazzo Campanella. Alla presentazione del libro, organizzata in collaborazione e con il patrocinio del Consiglio Regionale che sostiene le iniziative volte alla diffusione della cultura del territorio, sarà presente il Presidente Nicola Irto che porgerà i saluti istituzionali.

«Forse i grandi antropologi sono i grandi poeti della modernità, fondatori prima ancora che scopritori di un valore perenne che si rifrange , trasformandosi ma non perdendosi, nel fluire del tempo, delle civiltà e delle società che vivono e muoiono nel tempo» così scrive Claudio Magris nella prefazione al libro. «In questo libro, simbiosi di rigorosa analisi e di senso poetico della vita» (cit. Claudio Magris) la Calabria diventa paradigma per Teti che parla di una terra che ha sopportato invasori e conquistatori, terremoti e frane, malaria e latifondo, baroni e criminali, adesso fugge da sé stessa , non ha voce nemmeno per chiedere.

“Quel che resta”, definito dallo stesso Teti libro a lui «necessario», pone riflessioni e interrogativi a cui il lettore non può sfuggire e affronta temi che stanno a cuore dell’Autore come lo spopolamento, l’abbandono, l’emigrazione in una prospettiva di progettualità nuova e occasione di rigenerazione. Tanti, e intrecciati con la narrazione, sono i riferimenti autobiografici contenuti in questo libro intenso nel quale autobiografia, come scrive lo stesso Teti riferendosi a Corrado Alvaro, significa possibilità di rivivere, riscrivere, ripensare quanto ci è accaduto e anche quanto abbiamo immaginato e avremmo desiderato accadesse. La presentazione del libro è affidata allo scrittore reggino Saverio Pazzano, letture a cura di Cinzia Messina.

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.