Sinergie istituzionali a tutela dei diritti dei detenuti – avveniredicalabria

avveniredicalabria

I garanti Siviglia e Russo in visita congiunta presso il carcere di San Pietro a Reggio Calabria

Sinergie istituzionali a tutela dei diritti dei detenuti

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nella data odierna hanno fatto visita congiuntamente alla casa circondariale “G. Panzera” di Reggio Calabria il Garante regionale dei detenuti Avv. Agostino Siviglia e la Garante del comune di Reggio Calabria per le persone private della libertà personale l’Avv. Giovanna Russo.
Gli stessi, destinatari di una richiesta giunta da parte dei detenuti della sezione di alta sicurezza “Scilla”, a causa di tensioni derivanti dalla paura di diffusione Covid all’interno dell’Istituto penitenziario, si sono prontamente coordinati.

I garanti accompagnati dal Comandante Stefano La Cava e dal coordinatore della Sanità penitenziaria calabrese, Dott. Luciano Lucania, dopo una preliminare riunione con il Direttore Dott. Calogero Tessitore, sempre attento alle relazioni tra istituzioni, hanno visitato personalmente la sezione dell’Istituto penitenziario riscontrando che gli sforzi profusi dall’amministrazione penitenziaria reggina sono volti in questo particolare momento a tutelare e scongiurare il rischio da contagi covid-19 all’interno del carcere.

Il caso: nella giornata di venerdì pomeriggio c.m. si è appreso che un detenuto, già posto per profilassi in isolamento covid in una delle due celle dedicate all’interno della stessa sezione, sia risultato positivo ai controlli effettuati con il primo tampone. Prontamente sono state sottoposte a tampone tutte le unità che potevano essere entrate in contatto con il detenuto positivo e successivamente si sono esperite le procedure di sicurezza, ulteriore tracciamento e contenimento.

Malgrado ciò i detenuti hanno sollevato una pur sempre pacifica protesta e domenica mattina sono stati tamponati tutti e 56 i detenuti della sezione benchè non fossero entrati direttamente in contatto con il soggetto positivo. Risultato dei tamponi: tutti negativi.
Si è pertanto verificata la seconda occasione in cui, grazie alla scrupolosa osservanza delle circolari del Dap e del Prap, l’amministrazione ha potuto scongiurare ad oggi, la diffusione di questo nemico invisibile.

La tensione che si respira negli istituti penitenziari rimane alta, del resto impossibile non comprenderne le ragioni. Questo periodo di pandemia, aggiungono i Garanti, aumenta la paura all’interno delle carceri dove le celle non consentono un distanziamento sociale tra i detenuti e gli spazi di isolamento destinati ai casi sospetti presentano comunque delle fragilità strutturali.

Aggiungono i garanti: «Siamo dalla parte dell’Amministrazione penitenziaria, in piena e reciproca sinergia lavorativa, ma sempre e soprattutto a sostegno e tutela dei diritti dei detenuti che rimangono il nostro primo obiettivo nello svolgimento del mandato assunto».
I due Garanti hanno fatto visita anche alla sezione femminile ascoltando e risolvendo prontamente alcune istanze delle detenute, tra le quali la richiesta di una madre che non poteva mettersi in contatto con il figlio di soli due anni e mezzo ospite in una casa famiglia.
Una ulteriore verifica è stata operata nella sezione di osservazione psichiatrica in cui l’Avv. Siviglia ha potuto rilevare come, malgrado gli sforzi profusi in questi ultimi anni, la situazione sia ancora inadeguata o peggio non rispondente ai risultati sperati. Ma questo è un altro capitolo di cui presto verrete informati.

Il messaggio che i Garanti vogliono trasmettere è che proprio in questo particolare momento di pandemia, di perdita delle certezze per l’essere umano e di fragilità psicologica maggiormente avvertita in carcere, loro decidono di collaborare istituzionalmente in maniera sinergica facendo fronte comune alle mancanze di un sistema politico fragile o peggio distratto, segno di una Calabria che cambia passo a partire dalle Istituzioni per la tutela dei più fragili.

Articoli Correlati

Confronto con il Garante sui detenuti con problemi psichiatrici

Un confronto con la direzione dell’istituto ed il personale di polizia penitenziaria sulle problematiche che riguardano detenuti con problemi psichiatrici la cui assegnazione dovrebbe prevedere la collocazione nelle apposite articolazioni sanitarie

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.