Avvenire di Calabria

Votando sul web si può aiutare il centro famiglie a realizzare il proprio sogno

Un concorso online per il primo orto educativo

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il Centro Famiglie “La Collina degli Angeli” a Reggio Calabria promuove un progetto importante e strategico per la comunità. Il progetto consiste nel realizzare un’area verde multisensoriale, L’Orto degli Angeli, per i ragazzi autistici presso la sede del Centro, dietro il Santuario di S. Antonio da Padova. Alla base dell’idea progettuale c’è la convinzione che il contatto con la natura riesca a stimolare nelle persone con deficit psichico capacità emotive e comportamentali. Per facilitare chi ha disturbi dello spettro autistico che spesso hanno un sistema senso-percettivo che funziona in modo diverso con difficoltà nel gestire ed integrare contemporaneamente più informazioni sensoriali (uditive, visive, tattili, olfattive e gustative), è importante far ricorso al cosiddetto “orto strutturato” che è un modello semplice e replicabile dove i ragazzi possono lavorare il più possibile esprimendo le loro capacità. E non solo, nel tempo, la cura e l’amore per la coltivazione della terra possono diventare una risorsa per un eventuale lavoro in autonomia in una strategia di sostenibilità. Per poter realizzare questo fantastico sogno è però necessario ottenere finanziamenti consistenti. Come farlo? Attraverso Aviva Community Found, una piattaforma che dà ai cittadini il potere di fare la differenza votando progetti socialmente utili. Votare è molto semplice: basta entrare nel sito, iscriversi e selezionare il progetto. L’associazione che avrà ottenuto più voti otterrà una donazione di 15.000 euro. Possono votare tutti: donne, uomini, anziani e minori purché possiedano una e-mail. Che fare allora? Votare, votare, votare e far votare! (Di seguito il link: https://community-fund-italia.aviva.com/voting/progetto/schedaprogetto/16-1049)

Articoli Correlati

autismo scuola

Autismo e scuola, non più puro “contenimento”: parola ai formatori

Sul prossimo numero in edicola (10 aprile) vi proponiamo un ampio reportage sul mondo dello spettro autistico. In particolare ci soffermeremo sulle dinamiche alunno-docente in classe. I nuovi linguaggi espressivi aprono scenari inesplorati fino a poco tempo fa in tutti gli istituti scolastici. Leggi un’anteprima e conosci da vicino l’esperienza dei prof di sostegno.