Avvenire di Calabria

Il consigliere regionale Francesco Pitaro si pronuncia in merito alla scomparsa della fondatrice e presidente onoraria Fai

Addio a Giulia Maria Crespi, Pitaro: «Il Fai prezioso patrimonio»

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

«È mancato un riferimento prezioso per la salvaguardia e la tutela dell’ambiente. Alla presidente regionale Annalia Paravati ed a tutti i protagonisti, soci e amici del FAI (Fondo Ambiente Italiano) - dichiara il consigliere regionale Francesco Pitaro - porgo le condoglianze per la scomparsa della fondatrice e presidente onoraria».
«Giulia Maria Crespi - sottolinea l’esponente politico - ha insegnato agli italiani a mettere al primo posto la cura e la salute della terra come fondamento della salute per l’uomo. Anima ispiratrice della Fondazione, ha lasciato un’eredità importante anche nell’ambientalismo calabrese e un messaggio di bellezza che rimarrà indelebile nel tempo. Come non ricordare, infatti, che Crespi ha dato avvio al FAI e all’ambientalismo in Calabria grazie ad Anna Gastel e Annalia Paravati. Anche nella nostra regione, il Fondo Ambiente Italiano continua a svolgere una costante e significativa attività di valorizzazione del prezioso patrimonio che la Calabria custodisce, ed ha una sua radicata ed efficace presenza, penso ad esempio, alla gestione della Riserva dei Giganti di Fallistro a Camigliatello. Nel solco di un impegno ispirato dal senso autentico del servizio - conclude Francesco Pitaro - il FAI proseguirà il suo lavoro di tutela e valorizzazione dell’ambiente, all’insegna di quella frase della decana degli ambientalisti che campeggia sul sito del FAI: ‘Sogni? Sì sogni! A furia di sognare, si riesce a portare nel concreto ciò che si sogna’».

Articoli Correlati

Savino (Cei) in Moldavia, visita al vescovo di Chisinau

Dopo essere stato ad Odessa, in Ucraina, in rappresentanza della Cei in occasione della tappa della Carovana della Pace, il vescovo Savino è stato in Moldavia: dall’inizio della guerra, qui accolti oltre 400 mila profughi.