Avvenire di Calabria

L'autoemoteca alla Scuola Allievi Carabinieri di Reggio Calabria per la consueta raccolta del sangue

L’autoemoteca dell’Avis fa tappa alla Scuola Allievi Carabinieri di Reggio Calabria

A sostenerla è la sezione reggina dell'Avis che, da sempre, intreccia il suo cammino con quello dell'Arma

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L'autoemoteca alla Scuola Allievi Carabinieri di Reggio Calabria per la consueta raccolta del sangue. A sostenerla è la sezione reggina dell'Avis che, da sempre, intreccia il suo cammino con quello della Benemerita.

I carabinieri contribuiscono alla raccolta dell'Avis

Anche quest’anno una rilevante aliquota di Allievi Carabinieri frequentatori del 140° corso di formazione, in aderenza ai principi di altruismo, generosità e disponibilità da sempre al centro della missione addestrativa della Scuola Allievi Carabinieri di Reggio Calabria, recependo appieno il senso autentico della missione istituzionale proiettata sempre più verso il prossimo e i suoi bisogni, ha volontariamente aderito alla campagna di donazione del sangue portata avanti dall’Avis di Reggio Calabria.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Grazie a questa encomiabile iniziativa, il Comandante della Scuola Allievi Carabinieri, Colonnello Alessandro Magro, avvalendosi del supporto tecnico della locale Infermeria dell’Istituto e grazie all’instancabile operato dell’equipe di sanitari e volontari dell’Avis giunti con diverse autoemoteche, ha organizzato 3 giornate di prelievo che hanno visto ben 250 giovani allievi e allieve rispondere all’appello per donare il proprio sangue.


PUÒ INTERESSARTI ANCHE: L’Avis reggina fa visita all’arcivescovo Morrone


Con questa iniziativa, che anche negli anni precedenti ha visto la Scuola Allievi Carabinieri di Reggio Calabria in prima linea, l’Avis di Reggio Calabria, che in un precedente incontro presso la Scuola Allievi ha contestualizzato e illustrato l’importanza e gli aspetti sanitari e sociali della donazione, ha potuto raccogliere all’interno dell’Istituto militare il prezioso contributo, particolarmente necessario in questo periodo emergenziale.

Articoli Correlati

50 anni fa a Riace il ritrovamento dei Bronzi

Era il 16 agosto del 1972 quando al largo delle coste di Riace, in Calabria, dopo una segnalazione del sub Stefano Mariottini, i carabinieri riportavano alla luce due statue uniche al mondo, i Bronzi di Riace.