Avvenire di Calabria

Il sindaco Falcomatà: «Vicini al dolore delle famiglie, autorità internazionali facciano piena luce sulla vicenda»

Bandiere a mezz’asta a Reggio per Attanasio, Iacovacci e Milanbo

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Bandiere a mezz'asta a Reggio Calabria disposte dal sindaco Giuseppe Falcomatà in segno di lutto per la morte dell'Ambasciatore italiano nella Repubblica Democratica del Congo Luca Attanasio e dell'Appuntato dei Carabinieri Vittorio Iacovacci, rimasti uccisi insieme al loro autista Mustapha Milanbo durante l'attacco di un convoglio delle Nazioni Unite a Goma.

"La nostra Città si unisce al lutto dell'intera comunità per la scomparsa di questi due nostri connazionali, uccisi nell'esercizio delle loro funzioni. È un giorno triste per tutti noi - ha dichiarato il sindaco - ci stringiamo attorno al dolore delle famiglie dei due giovani, siamo vicini all'Arma dei Carabinieri e all'intero corpo diplomatico italiano. Un pensiero a chi ogni giorno rappresenta con onore e dedizione il nostro Paese in tutto il mondo, mettendo a rischio la propria vita in scenari difficili dove anche una casualità sfavorevole può costare la vita.

"Alle autorità nazionali ed internazionali - ha concluso il sindaco - chiediamo di assumere tutte le iniziative necessarie affinché sia fatta più presto piena luce su questa triste vicenda".

Articoli Correlati

Cittadella dell’Immacolata, oasi di pace per i bimbi ucraini

Dagli scenari di guerra alla protezione della Cittadella dell’Immacolata di Bagnara: bambini ucraini in fuga ritrovano la pace nell’estremo lembo dello Stivale e, soprattutto, la gioia di poter giocare nuovamente insieme, senza alcun pericolo.

Violenza di genere, la mamma ferita: «Così sono rinata»

Una storia di maltrattamenti consumata tra le mura domestiche, può trasformarsi in un vero e proprio esempio per quante hanno ancora paura di dire «basta». La testimonianza della giovane donna, finalmente uscita dal tunnel in cui era piombata: «Oggi mi sento finalmente donna, grazie al Centro antiviolenza “Angela Morabito” di Reggio Calabria e all’amore di mia figlia»