Carcere, un progetto innovativo delle suore alcantarine – avveniredicalabria

avveniredicalabria

Le postulanti alcantarine hanno tenuto laboratori, musica, balli e giochi nel penitenziario

Carcere, un progetto innovativo delle suore alcantarine

Un percorso di volontariato alla riscoperta delle emozioni e della libertà

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Riceviamo e pubblichiamo la testimonianza del gruppo di volontarie che ha preso parte al progetto:

Via libera… Scatenati!” è il titolo del progetto che abbiamo vissuto con le donne del carcere di Reggio Calabria dal 18 al 22 giugno, un viaggio tra le emozioni positive e negative che ciascuno vive nella propria quotidianità.

Insieme a suor Pasqualina, noi postulanti francescane alcantarine, abbiamo accolto con entusiasmo l’invito delle nostre sorelle presenti nella comunità di Archi a incontrare le donne, incontro che abbiamo tanto atteso e preparato con cura.

Attraverso laboratori, musica, balli, giochi e condivisioni, abbiamo potuto addentrarci insieme in un cammino di conoscenza di noi stesse e delle nostre emozioni: solitudine e fiducia, tristezza e gioia, rabbia e perdono, disgusto e bellezza, paura e speranza ci hanno fatto scoprire di essere tutte donne libere, capaci di fiorire. Come immagine del percorso fatto insieme, infatti, abbiamo scelto un albero che, giorno dopo giorno, è cresciuto dalle radici, si è fortificato nel tronco, è germogliato nella chioma e nei frutti, infine è stato abitato da farfalle colorate, simbolo della libertà che ciascuna può vivere là dove si trova.

Sono stati giorni preziosi, che ci hanno fatto gustare la bellezza e la delicatezza di un incontro vero e fecondo tra donne, ricordandoci l’una all’altra l’importanza di alzare lo sguardo verso l’Alto e verso l’altro.

Con cuore grato, ringraziamo le donne che si sono fidate e sono state con noi, la dottoressa Maria Carmela Longo, il dottor Emilio Campolo e tutti gli assistenti che hanno reso possibile tutto questo.

Suor Pasqualina, Anna Linda, Claudia, Federica, Giulia, Marina, Sabrina, Valeria

Articoli Correlati

Donne vittime di violenza e il coraggio di cambiare vita

«Una casa che cura», la ”Reghellin” resta un episodio isolato di protezione sociale presente sul territorio. Ce lo racconta una delle fondatrici, Nella Restuccia. Parlando delle tante donne, Nella dice:
«La Casa ha visto le loro lacrime e curato le loro ferite».

A Bagaladi si celebra il coraggio delle donne migranti

In occasione dell’8 marzo appena trascorso, presso il Centro “Suor Teresilla”, la Cisme ha organizzato un incontro formativo per le beneficiarie al fine di promuovere l’integrazione e favorire il dialogo tra culture.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.