Avvenire di Calabria

Dopo oltre due anni di restrizioni (più o meno severe) dal 1 aprile finisce lo stato di emergenza legato alla pandemia su tutto il territorio nazionale

Domani al via le riaperture post-Covid, ma cosa cambia davvero?

Una "normalità decretata" che, però, non equivale alla fine della diffusione epidemiologica: soggetti fragili e non vaccinati devono usare la prudenza

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Domani al via le riaperture post-Covid, ma cosa cambia davvero? Dopo oltre due anni di restrizioni (più o meno severe) dal 1 aprile finisce lo stato di emergenza legato alla pandemia su tutto il territorio nazionale. Una "normalità decretata" che, però, non equivale alla fine della diffusione epidemiologica: soggetti fragili e non vaccinati devono comunque usare la massima prudenza.

Domani al via le riaperture post-Covid

Dal primo aprile, l’Italia non sarà più in stato d’emergenza Covid. Viene abrogato definitivamente il sistema dei colori e non ci sarfà più l’obbligo di mascherina all’aperto.

Insieme a questo, termina anche l’obbligo del super Green pass sui luoghi di lavoro per gli over 50. Fino al 30 aprile andrà bene anche la forma base del pass sanitario.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Niente più sospensione da lavoro per i non vaccinati, dunque, tranne che per una fascia che il governo ritiene ancora tra le più a rischio in assoluto: sanitari e lavoratori delle Rsa. A dire addio all’obbligo di Green pass rafforzato sul posto di lavoro saranno, dunque, anche il mondo della scuola, il comparto sicurezza e le forze dell’ordine.

Sempre per i sanitari è previsto un prolungamento dell’obbligo vaccinale fino al 31 dicembre. Il pass sanitario “scomparirà” invece dal primo maggio.


PER APPROFONDIRE: Post-covid, Tramontana al Governo: «Continui a sostenere le imprese»


Alla luce della road map del Governo, nuove indicazioni arrivano anche dalla Chiesa. In Calabria, in vista delle celebrazioni pasquali e delle feste religiose che si svolgeranno nei prossimi mesi, importanti novità riguarderanno la ripresa delle processioni. In chiesa e nei luoghi chiusi, fino a nuove disposizioni, rimarranno invariate le vigenti disposizioni anti-contagio.

Articoli Correlati

Covid in Calabria

Covid in Calabria, in calo i ricoveri

I dati dell’ultimo bollettino sul Covid in Calabria, confermano una tendenza che si registra ormai da giorni. Dati rassicuranti arrivano anche dal report del Gimbe.