Avvenire di Calabria

Le dichiarazioni del prete pestato lo scorso maggio dopo la chiusura delle indagini

Don Giorgio: «Con Gattuso ci siamo abbracciati in carcere»

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Le dichiarazioni del prete pestato lo scorso maggio dopo la chiusura delle indagini che svela dell'incontro nella struttura penitenziaria col giovane. «L'ho perdonato», spiega attendendo comunque il responso della giustizia. «Vorrei sottolineare - ha proseguito don Giorgio Costantino - che non mi sono né costituito parte civile, né tantomeno mi sono opposto agli arresti domiciliari per il ragazzo, misura detentiva che gli è stata poi applicata».

Articoli Correlati

mensa soccorso poveri

La mensa dei poveri della parrocchia reggina del Soccorso

Da trent’anni, la mensa della parrocchia reggina del Divino Soccorso sostiene gli emarginati basandosi solamente sulla forza dei volontari del Centro d’ascolto. «Sono certo che potremo fare di più – conclude don Gaetano Galatti, parroco da un anno al Soccorso – e su questo abbiamo avviato un progetto con la Caritas».

Don Galatti al Soccorso, tra passato e futuro

L’intervista al neo parroco è subentrato a monsignor Costantino. Per lui è stato come un ritorno «in un luogo–memoriale», un passaggio non casuale ma voluto dal Signore. Lascia la guida pastorale della comunità di Vito