Avvenire di Calabria

Ha presieduto la Solenne concelebrazione eucaristica il vescovo di Oppido - Palmi monsignor Milito

Gioia Tauro ha festeggiato San Francesco di Paola

Dopo la celebrazione, attribuiti riconoscimenti a cittadini gioiesi che hanno vissuto la loro vita professionale sotto la protezione del patrono della Calabria e della gente di mare

di Caterina Sorbara

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Si è conclusa a Gioia Tauro, con immutabile devozione popolare, la festa in onore di San Francesco da Paola, svoltasi nell’omonima parrocchia guidata dal parroco don Natale Ioculano.

La festa di San Francesco di Paola a Gioia Tauro è stata preceduta da momenti ricchi di spiritualità, come la novena e il Triduo, animato in chiesa dai ragazzi dell’oratorio. Emozionante  è stato il momento della solenne Concelebrazione Eucaristica, presieduta da monsignor Francesco Milito, vescovo della diocesi Oppido Mamertina-Palmi, insieme a don Natale Ioculano e ai parroci  della città.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Don Natale Ioculano,  dopo aver salutato monsignor Francesco Milito, le autorità civili, militari e religiose presenti, si è soffermato sulla XVII Sessione del Sinodo diocesano, da poco celebrata, e rivolgendosi a monsignor Milito ha detto: «Anticipando il cammino indicato da Papa Francesco, per tutta la Chiesa, lei, con spirito profetico, ha orientato il cammino della Diocesi e, perciò, di tutti noi nello spirito dell’ascolto, della condivisione cioè del servizio a Cristo e a coloro che, nella nostra Diocesi, formano il corpo mistico e compongono il popolo di Dio in cammino sotto la guida vigile e amorevole del suo pastore che è fondamento e visibile principio di unità della Chiesa particolare. Ancora una volta siamo grati al Signore per averci dato in Lei una guida sicura».

Don Natale ha poi continuato: «Il giorno della mia immissione canonica nel salutare la Comunità dissi: “Sono consapevole di salire su un treno in corsa e sono pure certo che da solo non posso fare l’operato di tre. Tuttavia, questo non mi fa paura. Confido in Dio».

«È sotto gli occhi di tutti – ha aggiunto – che questo treno sta continuando la sua corsa verso il futuro, con determinazione ed entusiasmo non tanto e non solo per merito mio e nemmeno per merito di qualcuno in particolare ma frutto dell’impegno comune della squadra formata da fedeli comprensivi, collaboratori, catechisti, animatori e parroco. Tutti camminiamo e operiamo insieme».

Infine don Natale ha annunciato la nuova iniziativa, inerente la Festa di San Francesco: «Il 27 marzo 1943 il Papa Pio XII, accogliendo le preghiere rivoltegli da ogni parte d’Italia, dichiarò S. Francesco di Paola patrono della gente di mare italiana. Negli anni che sono stato alla Conferenza Episcopale Italiana, visitando in lungo e in largo le 106 diocesi costiere, ho potuto costatare quanto sia diffusa, tra la gente di mare, la venerazione per San Francesco».

Gioia Tauro e la devozione per San Francesco, patrono della gente di mare

«Gioia Tauro oltre ad essere un importante polo commerciale e ad avere un porto invidiato da tutti, vanta anche una tradizione marittima di tutto rispetto. Dialogando con il Comandante Vincenzo Zagarola è venuto spontaneo, ad entrambi, associare vocazione marittima di Gioia Tauro e San Francesco, patrono della gente di mare italiana, ed è nata così l’iniziativa che concluderà questa serata in onore del Santo».

Emozionante è stato il momento della solenne Concelebrazione Eucaristica. Nel corso della sua omelia monsignor Milito si è soffermato sulla figura di San Francesco da Paola, patrono della Calabria e della gente di mare, la cui vita è stata piena di prodigi. «La sua esistenza fu avvolta in un’aura di soprannaturale dalla nascita alla morte», ha ricordato.

A San Francesco di Paola sono attribuiti tantissimi miracoli e guarigioni che ancora oggi ne fanno uno dei Santi più venerati in Italia e nel mondo. Monsignor Milito ha ricordato una frase del santo di Paola: «A chi ama Dio tutto è possibile».

Dopo la Concelebrazione Eucaristica sono stati attribuiti i riconoscimenti: al Capitano di Lungo Corso Rocco Bombelli; al Capitano di Lungo Corso Michele Costa, al signor Giuseppe Lofaro e al signor Rocco Alviano.


PER APPROFONDIRE: San Francesco di Paola, Patrono della Calabria


Presenti alla solenne concelebrazione in onore di San Francesco di Paola il sindaco di Gioia Tauro Aldo Alessio, il vice sindaco Carmen Moliterno, tante autorità civili, militari e rappresentanti delle associazioni presenti sul territorio, la gente di mare, la Stella Maris Gioia Tauro, dal 2009 al servizio dei marittimi nel porto di Gioia Tauro, il Comandante Vincenzo Zagarola e Don Gildo Albanese.

Articoli Correlati

50 anni fa a Riace il ritrovamento dei Bronzi

Era il 16 agosto del 1972 quando al largo delle coste di Riace, in Calabria, dopo una segnalazione del sub Stefano Mariottini, i carabinieri riportavano alla luce due statue uniche al mondo, i Bronzi di Riace.

Scilla e la devozione per San Rocco

La Chiesa celebra oggi San Rocco, tra i santi più illustri del secolo XIV e uno dei più cari a tutta la cristianità. Da quasi sei secoli, la comunità di Scilla, rinnova il suo legame con il Santo Patrono.