Avvenire di Calabria

Dalla perdita di memoria alle difficoltà nelle attività quotidiane; dalla difficoltà nel pensiero astratto ai cambiamenti di umore e di comportamento

Giornata Alzheimer, i 10 campanelli d’allarme a cui prestare attenzione

Oggi, 21 settembre, è la Giornata mondiale di sensibilizzazione sul tema: in Italia si stima che siano circa 1 milione e 200mila le persone con demenza

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Giornata Alzheimer, i 10 campanelli d’allarme a cui prestare attenzione. Dalla perdita di memoria alle difficoltà nelle attività quotidiane; dalla difficoltà nel pensiero astratto ai cambiamenti di umore e di comportamento. Oggi è la Giornata mondiale di sensibilizzazione sul tema.

Giornata Alzheimer, i 10 campanelli d’allarme a cui prestare attenzione

In Italia si stima che siano circa 1 milione e 200mila le persone con demenza. Di queste il 50-60 per cento sono colpite da Alzheimer e, secondo le previsioni, nel 2050 la malattia interesserà 152 milioni di persone in tutto il mondo.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Esiste una grande variabilità individuale nella manifestazione della malattia, soprattutto nelle fasi di esordio, vogliamo segnalare quelli che possono essere i campanelli d’allarme più comuni a cui occorre prestare attenzione.

Primo campanello, la perdita di memoria che compromette la capacità lavorativa. La dimenticanza frequente o un’inspiegabile confusione mentale può significare che c’è qualcosa che non va. E poi difficoltà nelle attività quotidiane e problemi di linguaggio.

A tutti può capitare di avere una parola "sulla punta della lingua", ma la persona con Alzheimer può dimenticare parole semplici o sostituirle con parole improprie.

Quarto campanello, il disorientamento nel tempo e nello spazio. La persona malata di Alzheimer, per esempio, può perdere la strada di casa. Ancora, diminuzione della capacità di giudizio: la persona con Alzheimer può vestirsi in modo inappropriato, per esempio indossando un accappatoio per andare a fare la spesa o due giacche in una giornata calda.

Punto 6, la difficoltà nel pensiero astratto. Per il malato di Alzheimer può essere impossibile riconoscere i numeri o compiere calcoli.


PER APPROFONDIRE: L’Alzheimer Cafè riprende le attività a Locri


Settimo campanello, mettere la cosa giusta al posto sbagliato. Una persona con Alzheimer può mettere gli oggetti in luoghi davvero singolari, come un ferro da stiro nel congelatore o un orologio da polso nel barattolo dello zucchero, e non ricordarsi come siano finiti là.

Vengono poi segnalati i cambiamenti di umore o di comportamento, particolarmente repentini e senza alcuna ragione apparente; i cambiamenti di personalità. La persona con Alzheimer può cambiare drammaticamente la personalità: da tranquillo diventare irascibile, sospettoso o diffidente. Infine, la mancanza di iniziativa che la persona con Alzheimer perde progressivamente, in molte o in tutte le sue solite attività.

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.