Avvenire di Calabria

Il preside di Gioia Tauro analizza la vittoria col Carroccio. Ma spunta l’ombra dell’incandidabilità sulla quale non si è voluto pronunciare

Il leghista reggino Gelardi: «Salvini vuol dire buon governo»

Da giovane una lunga militanza nei partiti della sinistra tradizionale, mentre l’ultima candidatura - nel 2020 - è stata tra le fila dell’Udc

di Federico Minniti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il leghista reggino Gelardi: «Salvini vuol dire buon governo». Il preside di Gioia Tauro analizza la vittoria col Carroccio. Ma spunta l’ombra dell’incandidabilità.

Parla il leghista reggino Gelardi

Giuseppe Gelardi è un preside di vecchio corso. La sua attività al servizio della scuola pubblica si sviluppa sul territorio della Piana di Gioia Tauro. Gelardi, accanto al mestiere dell’insegnante, non ha mai celato la sua passione per la politica. Da giovane una lunga militanza nei partiti della sinistra tradizionale, mentre l’ultima candidatura - nel 2020 - è stata tra le fila dell’Udc. Alle ultime regionali il passaggio alla Lega dove con le quasi cinquemila preferenza è risultato il primo degli eletti “soffiando” il seggio all’uscente, Tilde Minasi. La sua elezione, però, è velata da un’indiscrezione: secondo alcuni, Gelardi sarebbe ineleggibile poiché le sue dimissioni da dirigente scolastico sarebbero arrivate solo a spoglio concluso. Un cavillo burocratico sul quale l’eletto leghista non ha voluto commentare.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Un leghista reggino. Dalla secessione a oggi di acqua sotto i ponti ne è passata, però per alcuni è un ossimoro. Per lei cos’è?

La politica à cambiata. Certamente venti anni fa era problematico essere leghista nel meridione d’Italia e quindi a maggior ragione in Calabria. Oggi questa visione risulta ampiamente superata. È risaputo che Salvini mette sempre e comunque al primo posto gli Italiani. Pertanto, sono convinto che il buon governo leghista delle regioni, delle province e dei comuni del nord si possa, senza alcun timore attuare al sud e, ancor più, in Calabria.

Entra a Palazzo Campanella dopo una lunga esperienza come dirigente scolastico. In virtù di questo bagaglio di competenze, si sente “avvantaggiato” nel dialogo con la burocrazia rispetto ai “politici di professione”?

No, non credo, anche perché si tratta di una nuova esperienza dove cambieranno le problematiche e le situazioni da gestire. Saranno quindi diverse le competenze richieste rispetto a quelle acquisite in ambito scolastico, precipuamente volte alla formazione dei giovani. Penso inoltre, che il nuovo ruolo vada metabolizzato e studiato per dare un apporto concreto alla risoluzione di annosi problemi che affliggono la nostra regione e, in particolar modo, la nostra provincia.


PER APPROFONDIRE: Salvini: «’Ndranghetisti a spasso per mancanza di magistrati»


Parliamo di scuola e università. Quali sono i suoi impegni per il territorio in questo ambito?

In Calabria, come nel resto d’Italia, la scuola funziona bene. Naturalmente con punte di eccellenza e di mediocrità. Si deve intervenire radicalmente a livello strutturale sugli edifici che sono inadeguati ed al limite dell’agibilità, sulle dotazioni e gli strumenti laboratoriali, sulla rete internet e sulle palestre che vanno resi idonei alle esigenze della comunità educante. Per quanto riguarda l’università, finalmente la Calabria può vantare tre grandi realtà che non hanno nulla di meno rispetto alle altre distribuite sul territorio nazionale. A volte, per le motivazioni più disparate i nostri giovani scelgono di allontanarsi dalla nostra regione per frequentare università del Centro o del Nord Italia con un aggravio di costi per le famiglie. Tenuto conto dell’eccellente formazione che si può conseguire presso gli atenei calabresi, a mio modesto parere la fuga verso il centro nord rappresenta una sorta di spreco di tempo e di risorse psico-fisiche.

Infine, un ultimo spunto operativo rispetto al mondo del lavoro. Come desidera aiutare i giovani calabresi per evitare la fuga verso il Nord e l’estero?

Facendo leva sugli Istituti tecnici e professionali che insieme agli Its avranno un ruolo determinante per sviluppare le competenze professionali ed il knowhow imprenditoriale dei giovani della nostra regione.

Articoli Correlati

50 anni fa a Riace il ritrovamento dei Bronzi

Era il 16 agosto del 1972 quando al largo delle coste di Riace, in Calabria, dopo una segnalazione del sub Stefano Mariottini, i carabinieri riportavano alla luce due statue uniche al mondo, i Bronzi di Riace.

Scilla e la devozione per San Rocco

La Chiesa celebra oggi San Rocco, tra i santi più illustri del secolo XIV e uno dei più cari a tutta la cristianità. Da quasi sei secoli, la comunità di Scilla, rinnova il suo legame con il Santo Patrono.