Avvenire di Calabria

L'iniziativa presentata nei giorni scorsi a Palazzo San Giorgio dal comitato di Reggio Calabria

Ludopatie, nasce il centro d’ascolto della Croce Rossa

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

È stato presentato nei giorni scorsi presso la “Sala dei Lampadari” di Palazzo San Giorgio a Reggio Calabria, il progetto “Ludopatia– quando il gioco diventa malattia”, promosso dalla Croce Rossa Italiana, Comitato di Reggio Calabria col patrocinio del Comune di Reggio Calabria. Il progetto nasce dall’esigenza di informare, sensibilizzare e aiutare le persone affette da questa nuova patologia definita Gap (Gioco d’Azzardo Patologico), ossia il desiderio compulsivo di giocare scommettendo dei soldi, che si sta diffondendo in maniera spropositata, sia per la sua accettazione a livello sociale, sia per sopperire a disagi che sempre di più stanno colpendo la società moderna. A seguito dell’espansione del fenomeno anche sul nostro territorio nasce l’idea del Comitato di Reggio Calabria della Croce Rossa Italiana di creare un “Centro di Ascolto sulla Ludopatia” per dare una risposta a coloro che si avvicinano e sviluppano una dipendenza da gioco d’azzardo. Il convegno di presentazione del progetto, ha visto impegnate nella fase organizzativa le infermiere volontarie dell’Ispettorato di Reggio Calabria, che ancora una volta hanno risposto con professionalità e sensibilità all’esigenze della comunità locale.

L’istituzione del Centro di Ascolto, che avrà come obiettivo specifico sostenere, informare e avviare un percorso di sostegno per il singolo attraverso la creazione di uno sportello informativo e di ascolto e di un numero telefonico (3923317899) operativo in alcune fasce orarie, rappresenta un punto di partenza significativo per sensibilizzare la cittadinanza verso questo nuovo disagio sociale.

Articoli Correlati

Giochi e scommesse online, sequestrati beni per 1,6 milioni

Oltre un milione e mezzo di euro sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza di Reggio Calabria a un imprenditore romano di 51 anni coinvolto nell’inchiesta Galassia sugli interessi della ‘ndrangheta nei giochi e scommesse online.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.