Avvenire di Calabria

In attesa della festa di San Valentino, le coppie pregano insieme durante la messa domenicale

Marina di San Lorenzo: il parroco benedice i futuri sposi

Ripartire dal rispetto e dalla fedeltà

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Enzo La Piana

Due cuori e una capanna? Macché! Il 14 febbraio, giorno degli innamorati per antonomasia, con il suo tipico consumismo sfrenato, anche la festa di San Valentino è stata surclassata dalla mania incontrollata di spendere e spandere in beni di ogni genere, cene nei migliori ristoranti e chi più ne ha più ne metta. San Valentino, è un giorno da condividere con il proprio partner, che non per forza esige sfarzo e lusso, tutt’altro. Piuttosto bisognerebbe fare in modo che questo giorno, non si riduca esclusivamente al 14 febbraio, ma che faccia parte cristianamente ogni giorno della famiglia e della vita di due persone. Don Giovanni Zampaglione, da qualche anno ha deciso di porre l’accento e dare a questa giornata un tocco di spiritualità. “Ho convocato personalmente, dice il parroco, tutti i futuri sposi che convoleranno a nozze nel 2017 e 2018 e dopo un momento di preghiera e incontro abbiamo preparato insieme la liturgia della domenica”. La riflessione, è stata posta su tre parole che Papa Francesco utilizza spesso: Permesso, Grazie, Scusa. Nel ricordare a tutti quanto sia importante Santificare il Giorno del Signore, visto che ognuno di noi ha sei giorni da dedicare a se stesso e agli amici, almeno la Domenica, puntualizza don Giovanni, “ricarichiamo le batterie tenendo compagnia al Signore”. Durante la celebrazione della Messa della domenica, alla presenza di tantissime coppie e di fidanzati presenti, nello spezzare la Parola di Dio, don Zampaglione ha ricordato che dove c'è amore, c'è anche fedeltà, comprensione, generosità e capacità di perdono. Citando Papa Francesco, il parroco ha concluso con queste parole: Uomo e donna non sono uguali, nè uno è superiore all'altro, ma è la donna e non l'uomo a portare l'armonia che fa del mondo una cosa bella. Alla fine della S.Messa, a ricordo della giornata, è stata consegnata a tutti l'immaginetta con le tre parole di Papa Francesco: Permesso, Grazie, Scusa, tre parole fondamentali del rispetto reciproco e dei valori dell’unione familiare.

Articoli Correlati

Oggi il pellegrinaggio diocesano delle famiglie a Reggio Calabria

L’Ufficio diocesano per la Pastorale familiare di Reggio Calabria promuove oggi il 27esimo Pellegrinaggio diocesano delle famiglie. Arrivo previsto al Santuario dell’Eremo dove ci sarà l’arcivescovo e presidente Cec, monsignor Morrone ad attenere i pellegrini.