Avvenire di Calabria

Il Santo è noto in particolare per l'episodio narrato nel Vangelo di Giovanni avvenuto subito dopo la resurrezione di Gesù

Oggi la Chiesa festeggia San Tommaso, celebre il suo: «se non vedo non credo»

È particolarmente venerato in India dove venne martirizzato durante le sue predicazioni

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Oggi la Chiesa festeggia San Tommaso. Il discepolo del «se non vedo non credo», particolarmente venerato in India

Oggi la Chiesa festeggia San Tommaso

Il giorno 3 luglio, che secondo la tradizione è quello della sua morte incontrata in India dove stava portando la Parola di Cristo, ricorre la memoria liturgica di uno degli Apostoli di Gesù che da sempre, insieme a Pietro, è sentito più vicino al cuore dei fedeli. Si tratta di san Tommaso, che nei Vangeli è chiamato Didimo (ovvero gemello) ma che per i più è semplicemente il miscredente. 


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


San Tommaso infatti viene ricordato soprattutto per un singolo episodio che lo vede protagonista dopo la resurrezione di Gesù. Viene raccontato nel Vangelo di San Giovanni. Dopo la risurrezione Gesù apparve ai discepoli e mostrò loro le sue ferite. Tommaso era assente e quando gli dissero che avevano visto il Signore non volle credere loro e disse: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il dito nel posto dei chiodi e non metto la mia mano nel suo costato, non crederò» (Gv 20, 25.27[1]). Otto giorni dopo Gesù ricomparve ai discepoli. Questa volta Tommaso c'era: mise il dito nella ferita del costato di Cristo e si convinse che Cristo era risorto.

Quello raccontato da Giovanni, tuttavia, non è l'unico episodio in cui San Tommaso appare nella narrazione dei Vangeli. Il poco che sappiamo con certezza di lui deriva dai vangeli sinottici; ci sono poi molte altre fonti, tra cui un vangelo scritto di suo stesso pugno, mai del tutto accertate, dalle quali si è ricostruito il resto della sua vita dopo l’ascesa al cielo di Gesù Cristo. 

San Tommaso fu uno dei dodici che Cristo chiamò intorno a sè quando decise di iniziare la sua predicazione pubblica che lo avrebbe condotto alla crocefissione. Insieme a san Tommaso, così come ci raccontano i Vangeli ufficiali, vennero chiamati anche Simone, che fu detto Pietro dallo stesso Cristo; Giacomo di Zebedeo e Giovanni suo fratello; Andrea, Filippo, Bartolomeo, Matteo, san Tommaso, Giacomo di Alfeo, Taddeo, Simone il Cananeo e Giuda Iscariota, colui che infine tradì il suo Maestro.


PUÒ INTERESSARTI ANCHE: Il Papa: «La liturgia non sia solo rito, ma anche evangelizzazione»


Non sappiamo cosa facesse san Tommaso prima di incontrare Gesù, ma con tutta probabilità era un pescatore come gli altri. Ebbe la sorte di passare tre anni della sua vita con il Figlio di Dio, e nel Vangelo di Giovanni ci sono due episodi, prima della risurrezione, che lo vedono protagonista accanto a Gesù. 

Protettore dell'India

Oggi san Tommaso è protettore degli Architetti, dei Geometri e dell’India tutta. Le sue reliquie sono conservate nella Basilica di Ortona, dove furono traslate dall’isola di Chios dove il santo era stato sepolto. A partire dal XIII secolo si diffuse l’uso di compiere un pellegrinaggio lungo il cammino di san Tommaso, che va da Roma ad Ortona. 

.

Articoli Correlati

Padre Mundjo Benoit riceve la cittadinanza onoraria di San Roberto

Si è spento padre Mundjo Benoit, domani le esequie a San Roberto

Il sacerdote Wilondja Mundjo Benoit, di origini congolesi, ha concluso ieri la sua vita terrena. Era il pastore della comunità di San Roberto (Reggio Calabria) dal 2002. Prima era stato vicario parrocchiale nella parrocchia San Pio X al Santuario di Modena. Si è sempre distinto per i suoi tratti umani e per la sua grande bontà. Era anche punto di riferimento per la comunità congolese a Reggio Calabria.

50 anni fa a Riace il ritrovamento dei Bronzi

Era il 16 agosto del 1972 quando al largo delle coste di Riace, in Calabria, dopo una segnalazione del sub Stefano Mariottini, i carabinieri riportavano alla luce due statue uniche al mondo, i Bronzi di Riace.