Avvenire di Calabria

La Lettera apostolica del Santo Padre "Desiderio desideravi" è stata pubblicata mercoledì: richiama al significato profondo della celebrazione eucaristica e della formazione liturgica

Il Papa: «La liturgia non sia solo rito, ma anche evangelizzazione»

L'invito di Francesco: «Non serve un vago ricordo dell'ultima Cena, abbiamo noi stessi bisogno di essere presenti a quella Cena»

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

«L'azione liturgica non sia solo un insieme di regole,  ma deve far riscoprire lo stupore per il mistero pasquale. E portare all'annuncio», è quanto scrive papa Francesco nella Lettera apostolica sulla liturgia pubblicata mercoledì.

«Abbandoniamo le polemiche per ascoltare insieme che cosa lo Spirito dice alla Chiesa, custodiamo la comunione, continuiamo a stupirci per la bellezza della liturgia». A lanciare l’invito è il Papa, nella Lettera apostolica sulla liturgia Desiderio desideravi, pubblicata mercoledì per richiamare il significato profondo della celebrazione eucaristica, così come è emersa dal Concilio Vaticano II, ed invitare alla formazione liturgica, a partire dai seminari.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


«A noi non serve un vago ricordo dell’ultima Cena: noi abbiamo bisogno di essere presenti a quella Cena», esordisce Francesco. «Vorrei che la bellezza del celebrare cristiano e delle sue necessarie conseguenze nella vita della Chiesa – scrive ancora il Santo Padre – non venisse deturpata da una superficiale e riduttiva comprensione del suo valore o, ancor peggio, da una sua strumentalizzazione a servizio di una qualche visione ideologica, qualunque essa sia».

A quasi sessant’anni dalla Sacrosanctum Concilium, Francesco ci ricorda infatti che la forza propulsiva della liturgia, in ordine all’annuncio della Buona Novella, è una sorta di prova del nove della sua genuinità. «Una celebrazione che non evangelizza non è autentica – scrive infatti nella lettera –, come non lo è un annuncio che non porta all’incontro con il Risorto nella celebrazione: entrambi, poi, senza la testimonianza della carità, sono come bronzo che rimbomba o come cimbalo che strepita».

No, insomma, alla «mondanità  spirituale», ribadisce il Santo Padre, secondo il quale la liturgia «non è la ricerca di un estetismo rituale che si compiace solo nella cura della formalità esteriore di un rito o si appaga di una scrupolosa osservanza rubricale». Non è neppure l’atteggiamento opposto, «che confonde la semplicità con una sciatta banalità, l’essenzialità con una ignorante superficialità, la concretezza dell’agire rituale con un esasperato funzionalismo pratico».


PUÒ INTERESSARTI ANCHE: «Un cristianesimo senza liturgia è un cristianesimo senza Cristo»


«Ogni aspetto del celebrare va curato (spazio, tempo, gesti, parole, oggetti, vesti, canto, musica, …) e ogni rubrica deve essere osservata», l’appello di Francesco, che si sofferma su un elemento essenziale della celebrazione liturgica: «lo stupore per il mistero pasquale».

Articoli Correlati

Padre Mundjo Benoit riceve la cittadinanza onoraria di San Roberto

Si è spento padre Mundjo Benoit, domani le esequie a San Roberto

Il sacerdote Wilondja Mundjo Benoit, di origini congolesi, ha concluso ieri la sua vita terrena. Era il pastore della comunità di San Roberto (Reggio Calabria) dal 2002. Prima era stato vicario parrocchiale nella parrocchia San Pio X al Santuario di Modena. Si è sempre distinto per i suoi tratti umani e per la sua grande bontà. Era anche punto di riferimento per la comunità congolese a Reggio Calabria.

50 anni fa a Riace il ritrovamento dei Bronzi

Era il 16 agosto del 1972 quando al largo delle coste di Riace, in Calabria, dopo una segnalazione del sub Stefano Mariottini, i carabinieri riportavano alla luce due statue uniche al mondo, i Bronzi di Riace.