Avvenire di Calabria

Papa Francesco: Angelus, “non cessiamo di pregare per la pace dovunque si soffre per la guerra”

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


“Non cessiamo di pregare per la pace in Ucraina, in Terra Santa, in Sudan, Myanmar e dovunque si soffre per la guerra”. È l’appello del Papa, al termine dell’Angelus di ieri, in cui ha citato anche le “notizie dolorose di scontri e massacri compiuti nella parte orientale della Repubblica Democratica del Congo”, rivolgendo un appello alle autorità nazionali e alla comunità nazionale “affinché si faccia il possibile per la cessazione delle violenze e per la salvaguardia della vita dei civili”. “Tra le vittime, molti sono cristiani uccisi in odium fidei”, ha fatto notare Francesco: “Sono martiri. Il loro sacrificio è un seme che germoglia e porta frutto, e ci insegna a testimoniare il Vangelo con coraggio e coerenza”. Il Papa ha chiesto infine un applauso per Michele Rapacz, sacerdote e martire, beatificato a Cracovia, “pastore secondo il cuore di Cristo, fedele e generoso testimone del Vangelo che ha sperimentato sia la persecuzione nazista sia quella sovietica, e ha risposto con il dono della vita”.

Fonte: Agensir

Articoli Correlati

Tags: