Avvenire di Calabria

L'azienda che gestisce il ciclo dei rifiuti in riva allo Stretto punta a migliorare il servizio del porta a porta serrando i controlli

Reggio Calabria, arrivano controlli a tappeto per chi non fa la differenziata

Si partirà dagli esercizi commerciali con la supervisione degli agenti della polizia municipale per verificare eventuali irregolarità

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Reggio Calabria, arrivano controlli a tappeto per chi non fa la differenziata. L'azienda che gestisce il ciclo dei rifiuti in riva allo Stretto punta a migliorare il servizio del porta a porta serrando i controlli. Si partirà dagli esercizi commerciali con la supervisione degli agenti della polizia municipale per verificare eventuali irregolarità.

Reggio Calabria, arrivano controlli a tappeto per chi non fa la differenziata

La società TeknoService e l’amministrazione Comunale di Reggio Calabria intendono ringraziare tutti i cittadini che hanno contribuito al raggiungimento dei risultati sino ad ora ottenuti.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Ciononostante, entrambi, sono dispiaciuti nel comunicare alla cittadinanza le numerose difficoltà ancora presenti nella gestione del servizio; vi sono delle enormi problematiche nello smaltimento della frazione indifferenziata prodotta dai reggini, soprattutto visto l’esiguo numero di impianti predisposti sul territorio.

La soluzione a questa criticità è semplice: ridurre la quantità di secco prodotto. Infatti, una maggiore attenzione nella separazione dei rifiuti renderà la città più pulita e contribuirà ad abbassare i costi sostenuti dai cittadini e dal Comune. A tal fine la polizia locale, tramite il nucleo di polizia ambientale, unitamente agli ispettori di TeknoService, avvierà il controllo dei rifiuti sanzionando le utenze che avranno esposto il rifiuto in modo non conforme. I controlli saranno avviati a partire da venerdì 1° aprile e riguarderanno in primis le utenze commerciali che oggi rappresentano i maggiori produttori di rifiuto indifferenziato.


PER APPROFONDIRE: 8 marzo. Il “tweet” del Papa per mamme e bimbi in fuga dalle guerre


Si ringraziano i cittadini anticipatamente per la collaborazione ricordando che l’impegno comune consentirà il raggiungimento degli obiettivi di raccolta differenziata rendendo al contempo la nostra città più sostenibile.

Articoli Correlati

50 anni fa a Riace il ritrovamento dei Bronzi

Era il 16 agosto del 1972 quando al largo delle coste di Riace, in Calabria, dopo una segnalazione del sub Stefano Mariottini, i carabinieri riportavano alla luce due statue uniche al mondo, i Bronzi di Riace.