Avvenire di Calabria

Un momento di forte preghiera e incontro per la comunità dell'area grecanica dopo lo stop ai festeggiamenti imposto dalla pandemia

Roghudi, conclusa la festa di Maria Santissima delle Grazie

Tanti giovani presenti, il parroco don Zampaglione li ha esorati ad essere costruttori di un mondo di pace

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Cala il sipario a Roghudi sulla festa di Maria Santissima delle Grazie che ha visto la partecipazione di tantissima gente (anche dai paesi limitrofi) dopo due anni di pandemia.

Giorno 26 giugno la comunità di Roghudi ha vissuto un primo momento forte di preghiera e di riflessione: il pellegrinaggio a Roghudi antico che ha visto la partecipazione più di 200 persone.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Il parroco don Giovanni Zampaglione ha voluto chiamare questo pellegrinaggio il «viaggio del cuore». La gente, ha sottolineato il parroco, attraverso questo pellegrinaggio ha rivisto i vari luoghi della propria infanzia e si e fermata a lungo a pregare nella chiesetta.

Dal 29 giugno al 2 luglio la comunità di Roghudi si è ritrovata nel paese nuovo per pregare  e riflettere. Giorno della festa (davanti ad una comunità festante e alla presenza del sindaco di Roghudi Pierpaolo Zavettieri e dell'amministrazione comunale) il parroco don Giovanni Zampaglione nello "spezzare" la Parola di Dio ha invitato tutti a riconoscere Cristo nella propria vita ed ad essere persone non in cerca di fama o di un nome, ma missionari che si distinguano per preghiera, mitezza, povertà.

Rivolgendosi ai giovani presenti alla Santa Messa, don Giovanni ha detto loro parole forti: «Non state parcheggiati ai lati della vita, ma in corsa verso traguardi alti, con gioia e audacia. Faccio  mie le parole di un testo di una canzone di Vecchioni che recita cosi: "Sogna ragazzo, sogna...". Carissimi giovani e  "mia corona" sognate un mondo migliore e diverso pieno di pace, speranza e tantissimo amore».


PUÒ INTERESSARTI ANCHE: Dipendenze, allarme rosso per i minori: crolla l’età dei consumi


Subito dopo la Santa Messa c'è stata la processione per le vie del paese. La sera è stata allietata dallo spettacolo musicale e i fuochi d'artificio hanno concluso i festeggiamenti.

Articoli Correlati

Le processioni del maestro Stellario Baccellieri

Conosciamo meglio l’artista reggino, conosciuto anche come il Pittore del Caffè Greco o il Pittore dei Caffè. Stellario Baccellieri ama ancora immortalare le processioni della sua Calabria.