Avvenire di Calabria

Scuola: Pellai, “unico presidio del pensiero pensante” ma “serve un’inversione di rotta”

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


In un mondo “virtualizzato” che spinge i giovanissimi verso la gratificazione istantanea, il divertimento, il “fallo senza pensarci troppo”, la scuola “rappresenta l’unico grande presidio del pensiero pensante”, il luogo di “elaborazione, costruzione e allenamento del pensiero”. Ecco perché costituisce “il tema per eccellenza su cui riflettere oggi, in un tempo di grave emergenza educativa”. Lo afferma in un’intervista al Sir Alberto Pellai, medico e psicoterapeuta dell’età evolutiva, che il prossimo 4 luglio parteciperà all’incontro “Scuola: educarsi alla partecipazione”, nell’ambito della 50ª Settimana sociale di Trieste (3-7 luglio).
In questo momento, spiega Pellai, la scuola è il luogo dove bambini e ragazzi “incontrano la maggior parte dei loro coetanei nella vita reale”; a scuola “acquisiscono le competenze pro-sociali e socio-relazionali”. E’ inoltre “il luogo degli apprendimenti, dell’acquisizione del sapere e del saper fare; costituisce quel cantiere all’interno del quale i giovanissimi si allenano alla vita preparandosi a diventare i cittadini del futuro”. Tuttavia, secondo l’esperto, oggi occorre “un’inversione di rotta”. “Molto di quello viene pensato, detto, generato intorno alla trasformazione dell’educazione”, spiega, è “quasi esclusivamente basato sulla richiesta di adeguare la scuola alla rivoluzione digitale, anche se quest’ultima si è rivelata un autogol non indifferente nel percorso di crescita e formazione di bambini e ragazzi”. A Trieste, anticipa al Sir, “inviterò ad un’inversione di rotta, a ridefinire le priorità della scuola che non devono essere quelle di seguire – o inseguire – la direzione del mondo che spinge ad entrare nei propri meccanismi, rivelatisi in realtà molto disumanizzanti e incapaci di offrire i risultati sperati. Vorrei quindi condividere – conclude Pellai – una riflessione sul significato di una scuola in grado di modellare non solo il sapere e il saper fare degli studenti, ma anche il loro saper essere”.

Fonte: Agensir

Articoli Correlati

Tags: