Avvenire di Calabria

Solidarietà: Misericordia Prato, nel 2023 svolti 160mila servizi di trasporto socio-sanitario e di emergenza 118

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Nel 2023, anno reso complicato negli ultimi mesi dalla gestione della terribile alluvione del 2 novembre, la Misericordia di Prato ha svolto 160mila servizi di trasporto socio-sanitario e di emergenza 118, quest’ultimo attraverso l’utilizzo di ambulanze con personale sanitario e con solo soccorritori svolto 24 ore su 24, sette giorni su sette, in convenzione con l’Asl (sono undici solo nella sede centrale e quarantadue in uso nelle sezioni, più 110 mezzi complessivi per il trasporto sociale). Nel corso dell’anno i turni sono sempre stati garantiti con una media di 3/4 volontari, in supporto al personale dipendente. Questi alcuni dati forniti dall’Arciconfraternita della Misericordia di Prato che ieri ha approvato all’unanimità il bilancio sociale 2023. “Il bilancio – spiega il proposto Gianluca Mannelli – certifica una Misericordia di Prato viva e vitale, che saputo cogliere le situazioni di disagio e si è impegnata per dare risposte adeguate alla popolazione, come evidenziamo ogni anno, la nostra attività non deve essere misurata in termini economici, il profitto non è il nostro fine, certo dobbiamo essere amministratori attenti per salvaguardare l’integrità del patrimonio e per liberare risorse da reinvestire nelle nostre attività”.
Le tante attività a servizio della popolazione messe in campo dalla Misericordia, viene sottolineato in un comunicato, sono rese possibile grazie all’impegno volontario e quotidiano di circa duemila confratelli e consorelle, supportati da 130 giovani del servizio civile. Tra le iniziative vengono ricordate il Centro di ascolto prevenzione all’usura, il Consultorio familiare, il Gruppo donatori di sangue Fratres e i tanti servizi promossi dalla sezione femminile (come la gestione del Telefono Amico Italia). Importante è stato anche il lavoro svolto dal Gruppo di Protezione civile, impegnato prima nell’emergenza in Emilia-Romagna con quindici volontari e cinque mezzi (anche in funzione di ricognizione del territorio in collegamento con le varie sale operative), poi nell’emergenza alluvione in provincia di Prato con centodieci persone e trenta automezzi, mettendo a disposizione le sedi locali per l’accoglienza degli sfollati, per la raccolta viveri e indumenti, ma anche come centrali operative.
La Misericordia di Prato, infine, svolge anche un ruolo sul territorio offrendo centri medici e presidi diagnostici, come il Centro odontoiatrico (dove si eseguono prestazioni sociali per pazienti bisognosi grazie a un accordo con la diocesi, nel 2023 sono stati dodici), gli Ambulatori al Parco Prato (oltre 15mila prestazioni), l’Istituto diagnostico Santo Stefano di Prato (55mila prestazioni) e di Vaiano (10mila).

Fonte: Agensir

Articoli Correlati

Tags: