Avvenire di Calabria

Il documento congiunto del Consiglio mondiale delle Chiese (Wcc) e del Pontificio Consiglio per il dialogo interreligioso (Pcid)

«Solidarietà religiosa verso il mondo ferito» dalla pandemia

Maria Chiara Biagioni

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

«Offrire una base cristiana per la solidarietà interreligiosa che possa ispirare e confermare, nei cristiani di tutte le Chiese, l'impulso a servire un mondo ferito non solo dalla pandemia da Covid-19 ma anche da tante altre ferite». Questo – si legge nel preambolo – lo scopo del documento congiunto scritto e pubblicato ieri dal Consiglio mondiale delle Chiese (Wcc) e dal Pontificio Consiglio per il dialogo interreligioso (Pcid) dal titolo: "Servire un mondo ferito nella solidarietà interreligiosa. Una chiamata cristiana alla riflessione e all'azione durante il Covid-19". Principalmente destinato ai cristiani, il testo vuole essere “utile” anche ai fedeli di altre religioni, che «hanno già risposto a questa crisi con pensieri simili basati sulle proprie tradizioni. La sfida di rispondere a questa pandemia ci chiama a una maggiore consapevolezza e cooperazione ecumenica e interreligiosa». Il documento riconosce nell'attuale contesto della pandemia una occasione per scoprire nuove forme di solidarietà per ripensare il mondo post Covid-19. Composto da cinque sezioni, il documento riflette sulla natura di una solidarietà sostenuta dalla speranza e offre principi chiave e una serie di raccomandazioni su come la riflessione sulla solidarietà possa essere tradotta in azione concreta e credibile. Ciò che preoccupa le Chiese è in particolare «lo scandaloso divario tra ricchi e poveri, tra i privilegiati e gli svantaggiati» che la pandemia ha drammaticamente evidenziato. «In molti luoghi, i malati, gli anziani e i disabili hanno sofferto di più, spesso con poca o nessuna assistenza medica. Ha esacerbato pregiudizi razziali e ha portato ad una maggiore violenza contro coloro che sono stati a lungo considerati una minaccia" alla parte politica dominante, come i migranti, rifugiati e prigionieri». Il documento si conclude con una serie di raccomandazioni “pratiche” che incoraggiano i cristiani e i fedeli di tutte le tradizioni religiose a «promuovere una cultura dell'inclusione», formare clero, membri delle comunità e degli ordini religiosi (uomini e donne), laici e operatori pastorali alla conoscenza degli strumenti necessari per lavorare per un'umanità ferita in collaborazione con altri; coinvolgere e sostenere i giovani e lottare contro la tentazione del cinismo. «Di fronte alla pandemia da Covid-19, la famiglia umana sta affrontando insieme una sfida senza precedenti», ha detto il segretario generale ad interim del Wcc, Ioan Sauca. E il cardinale Miguel Ángel Ayuso Guixot, presidente del Pontificio Consiglio per il dialogo interreligioso, ha aggiunto: «La pandemia ha messo in luce la ferita e la fragilità del nostro mondo, rivelando che le nostre risposte devono essere offerte in una solidarietà inclusiva, aperta a seguaci di altre tradizioni religiose e persone di buona volontà».

Articoli Correlati

Covid-19, 20 casi accertati in Calabria

Emergenza Covid-19. Nessun decesso in Calabria nelle ultime 24 ore. L’ultimo bollettino della Regione parla di 20 casi accertati, ma i tamponi processati sono meno di mille.

Effetti della pandemia sui giovani

Un libro sugli effetti della pandemia sui giovani

Domani, 22 giugno, alle 19.30, la presentazione online dellìopera di Paola Bignardi e Stefano Didonè. L’evento è promosso dall’arcidiocesi di Reggio Calabria – Bova con l’Istituto Toniolo e l’Azione cattolica.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.