SpazioTeatro narra le fiabe al telefono contro la solitudine – avveniredicalabria

avveniredicalabria

La nuova iniziativa dell'associazione è rivolta a tutte le persone sole, soprattutto gli anziani che non hanno dimestichezza con internet

SpazioTeatro narra le fiabe al telefono contro la solitudine

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un’emergenza che fa riscoprire l’utilità della rete per sentirsi “virtualmente insieme” a tratti forse anche meno distanti con una video chiamata. Ma per tanti internet è ancora tutto da comprendere e il vecchio telefono a filo è l’unico collegamento oltre le mura di casa in questi giorni. Nasce così l’idea di SpazioTeatro che ha pensato proprio alle persone che stanno vivendo queste giornate in solitudine. 

Persone anziane o meno. Persone che si trovano in ospedale, per motivi diversi dal Covid-19, ma non possono ricevere visite o assistenza da parenti e amici. O quelle ospiti in case di riposo o strutture di degenza che in questo momento non possono consentire l'ingresso di altre persone.

«Vogliamo donare la nostra voce per scambiare delle storie con persone che vivono in condizioni simili e in questo momento stanno probabilmente sperimentando ancora di più la solitudine» spiegano Gaetano Tramontana e Anna Calarco.

«Si è pensato molto alle bambine e ai bambini, e ci abbiamo pensato anche noi, che a loro ci rivolgiamo spesso con il nostro lavoro. Molti operatori del settore teatrale, e non solo, stanno diffondendo sui social i più vari contenuti per i più piccoli.
Ci siamo chiesti però, come arrivare alle persone che magari hanno meno dimestichezza con questi mezzi? O non l'hanno per nulla. O non ne hanno interesse? Persone anziane o anche no. E che si trovano ad affrontare questo momento in solitudine. Subissati solo dall'overdose di informazioni che provengono dalla televisione».

«Abbiamo pensato che uno strumento più immediato e forse davvero alla portata di quasi tutti, è semplicemente il telefono. Vogliamo donare delle storie da raccontare al telefono, anche ai non-bambini.
Ma vogliamo anche riceverne a nostra volta. Proporremo un baratto. Chiederemo alle persone con le quali entreremo in contatto di raccontarci una storia, una fiaba, che ricordano magari dalla loro infanzia. Semineremo e insieme raccoglieremo storie. Forse nasceranno dei frutti buoni, per il tempo che verrà».

A questo punto siete tutti protagonisti e se conoscete qualcuno che in questo momento vive in solitudine o si trova in ospedale, ma può parlare al telefono, e pensate possa accettare con piacere questo scambio questi sono i contatti:
339.3223262 - info@spazioteatro.net (oggetto: se telefonando...).

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.