Avvenire di Calabria

Bocche di fuoco Legion e Radic chirurgici al tiro, bene Fabi e Marulli

Viola dilagante contro Biella (93-67)

Federico Minniti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Viola convincente contro l'Angelico Biella: 93-67 per i neroarancio che tengono salde le mani sul volante della gara dal primo al quarantesimo minuto. Impatto altisonante per Radic (23 pt) e Legion (19 pt) che chiudono con percentuali chirurgiche dal campo (oltre l'80%). Solita partita soldissima di capitan Fabi che ai 17 punti aggiunge anche 7 rimbalzi, 4 palle recuperate e 3 assist. Coach Paternoster si attendeva una prova di carattere dopo la sconfitta di Agropoli e questa è arrivata pur giocando ancora lontano dalle mura amiche del PalaPentimele, squalificato, e costretti all'esilio in terra siciliana al PalAlberti a Barcellona Pozzo di Gotto. Una Viola che ha saputo mettere l'intensità giusta, evidenziando le lacune della squadra di coach Magro, ossia la pochezza nelle rotazioni oltre il quintetto base, che ha registrato le prove positive di Hall e Ferguson (entrambi topscorer dei piemontesi con 17 punti). Bene anche De Vico (15 punti) e Udom (12), mentre delude l'atteso Tessitori, quindici minuti in campo con meno due di valutazione finale. La Viola, pur essendo orfana di Ion Lupusor, ha girato a 9 rotazioni con un buon impiego dei giovanissimi Taflaj e Guariglia che hanno dato respiro a Legion e Radic. Esatta spartizione della conduzione dei giochi invece per i due play Caroti e Marulli (nella foto), con quest'ultimo vicino alla doppia doppia (13 punti e 7 assist). Una performance che conferma le qualità di un gruppo combattivo che dovrà costruire le proprie fortune proprio dalle sfide interne. Nel prossimo turno visita all'Unicusano Roma che in questo primissimo scorcio di stagione sta stupendo tutti con due vittorie, contro Agrigento e Casale Monferrato, in gare in cui partiva con gli sfavori del pronostico.

Articoli Correlati

Bova ricorda il giudice Viola

Un incontro commemorativo di riflessione si svolgerà nella Città grecanica.
Tra i relatori anche monsignor Denisi e il professor Amato, sarà ricordata questo pomeriggio a Bova, la figura del giudice Giuseppe Viola, uomo di sport e non solo, recentemente scomparso.

Viola, il reggino Paolo Frascati è neroarancio

Per me è una sensazione unica e motivo d’orgoglio tornare a giocare a casa – confessa Paolo – ringrazio il Gm Barrile e il coach Bolignano per avermi dato questa possibilità e spero di non deluderli.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.