Avvenire di Calabria

Marina ha 43 anni ed è mamma di tre figli ha avuto il coraggio di denunciare chi le ha fatto del male

Violenza sulle donne, dalla Calabria una storia di coraggio

L'invito alle altre donne: «Trovate il coraggio

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nel giorno in cui si rinnova l'impegno a contrastare ogni forma di violenza sulle donne, una significativa testimonianza arriva dalla Calabria. Ce la racconta l'agenzia Sir. È la storia di Marina (il nome è naturalmente di fantasia), una mamma 43enne di tre figli. «Con sacrificio, fatica e lacrime sono riuscita a riprendere in mano la mia vita e vorrei dire a tutte le donne vittime di violenza che si può rinascere, ma occorre il coraggio di denunciare», le sue parole


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Marina grazie a “Mondo rosa”, la casa rifugio del Centro calabrese di solidarietà ha ritrovato la serenità che aveva perduta. «Vent’anni fa – racconta in un’intervista al Sir– ho conosciuto il mio ex compagno e dopo due anni di convivenza è nata la mia prima figlia». Un rapporto non facile: già allora lui manifesta frequenti scatti d’ira. Poco dopo si trasferiscono in Italia, trovano entrambi un lavoro ma la gelosia morbosa del partner scatena improvvisi raptus di violenza: «Mi impediva di truccarmi, mi controllava in modo ossessivo. Se mi vedeva in mano un cellulare lo distruggeva».

Nel corso degli anni sono nati altri due bambini ma, racconta Marina, «lui ha smesso di picchiarmi dopo averlo denunciato. Vivevamo in un clima di terrore, e la bimba più grande era quella che soffriva di più».
Nel 2015, un giorno esce con i figli e non torna più a casa. Vanno in parrocchia dove vengono chiamati i carabinieri, Marina sporge denuncia per maltrattamenti e viene subito accolta in una casa rifugio della sua città, ma solo per pochi giorni. Sarà più sicura a Catanzaro, così approda a Mondo rosa.

L'esortazione: «Donne denunciate le violenze»

«Ero molto spaventata ma ho trovato un’accoglienza calorosa e ho iniziato il mio percorso personale, psicologico e genitoriale, mentre i bambini sono stati inseriti a scuola e hanno potuto fare una vita serena come in una vera famiglia». Non è stato facile: «Il cammino è stato importante ma anche doloroso, ho avuto momenti di scoraggiamento in cui avrei voluto abbandonare tutto, ma le operatrici mi sono sempre state vicino sostenendomi, sono stati i miei angeli custodi. È grazie a Romina Ranieri, Assunta Cardamone e Francesca Corapi se ora ho una casa mia, un lavoro stabile ed anche un nuovo compagno».


PER APPROFONDIRE: La Chiesa celebra oggi Santa Caterina d’Alessandria: vittima di violenza


Nel 2019, Marina è uscita da Mondo rosa ed oggi vuole lanciare un appello: «Voglio dire alle donne costrette in situazioni di disperazione di non subire, di trovare la lucidità e il coraggio di denunciare. La legge è dalla nostra parte, dobbiamo fidarci, ma senza una denuncia non si può fare nulla. Non si può vivere nel terrore, ognuna di noi ha il diritto di essere libera. Io ho avuto paura ma anche tanta speranza, e con la speranza si può andare lontano, si può ricominciare a vivere ed essere di nuovo felici».

Articoli Correlati

Agiduemila

Presentato il nuovo calendario di Agiduemila: come averlo

È stato presentato nei giorni scorsi. Può essere un doppio dono di Natale, il Calendario 2022 di Agiduemila. Un’iniziativa che si rinnova in vista del nuovo anno. Scopo sostenere le iniziative dell’associazione che si occupa di disabilità

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.