Avvenire di Calabria

La presentazione dello studio condotto da un gruppo di esperti

Aborto, il rapporto costi legge 194. Pro vita, 5 miliardi di euro per 6 milioni bambini morti

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Intorno ai 5 miliardi di euro. Dopo 42 anni e quasi 6 milioni di bambini abortiti in Italia, il gruppo di lavoro composto da economisti, medici e giuristi, con il patrocinio della Sibce (Società Italiana per la Bioetica e I Comitati Etici), dell'Aigoc (Associazione Italiana Ginecologi e Ostetrici Cattolici), della Fondazione Il Cuore in una Goccia, e di Pro Vita & Famiglia, ha presentato, in una conferenza stampa che si è tenuta a Roma, presso la sala Giubileo della Lumsa, il primo rapporto sui costi di applicazione della legge 194/1978 "e individuato numerose crepe, lacune e contraddizioni della legge sull'aborto- spiega una nota- Come ci si addentra nel 'pianeta aborto', si scopre un abisso che separa la teoria dalla realtà".

   "Tutto questo ha un costo, non solo in termini di vite umane, ma anche di relazioni, di equilibri sociali- si legge nel comunicato- Lo studio ha quantificato, attraverso una rigorosa analisi dei primi quarant'anni di applicazione della legge, il costo finanziario - peraltro sottostimato - sostenuto dalla collettività per la pratica abortiva, in un tempo, come il nostro, in cui le risorse economiche a disposizione del sistema sanitario risultano drasticamente limitate e che richiedono pertanto un'equa distribuzione sociale. Per produrre questa serie di oggettivi fallimenti i contribuenti italiani hanno dovuto impiegare ingenti risorse economiche. Si può stimare che nei primi quarant'anni di applicazione della legge il costo cumulato per il finanziamento degli aborti legali si sia aggirato appunto intorno ai 5 miliardi di euro (circa 120 milioni di euro all'anno), una somma che se fosse stata accumulata ogni anno, a fronte di un 'accantonamento' totale (in termini reali) di 4 miliardi e 847 milioni, sarebbe valutabile in un fondo che avrebbe maturato rendimenti per 6 miliardi e 362 milioni di euro fino a raggiungere una capitalizzazione totale di 11 miliardi e 209 milioni di euro".

Eppure, continua la nota, "nonostante questa storia fallimentare, non sembra ancora possibile una presa di coscienza collettiva di quel che ha comportato la legalizzazione e la gratuità della pratica abortiva nel nostro Paese. L'analisi proposta in questo rapporto dovrebbe viceversa fare sorgere quanto meno una domanda: perché a carico del contribuente?".

   Alla fine della conferenza stampa è stato lanciato l'Osservatorio permanente sull'applicazione della legge 194 composto dal gruppo di lavoro sul report ma aperto ad enti, istituzioni e singole persone che vogliano aderire. L'Osservatorio "fornirà un servizio necessario e dovuto alla collettività, considerando in particolare quanto sia importante la razionalizzazione del Servizio sanitario nazionale- conclude il comunicato- specie in questo momento in cui la pandemia ha imposto ingenti sforzi in termini umani e monetari".

Brandi (Pro vita): spesi mld con ssn in crisi, politica valuti

 "La ricerca svolta dal gruppo di studio sui costi di applicazione della legge 194,dura da un anno, è stata una impresa davvero 'originale', la prima in Italia e in Europa. L'analisi è stata condotta in maniera molto rigorosa e senza tener conto di molti costi relativi alla procedura abortiva che per vari motivi non sono stati considerati. È stato un lavoro necessario: la rilevazione dei costi di applicazione di una legge costituisce una delle componenti inevitabili di qualsiasi seria valutazione della politica in questione. In questo ambito ancor più urgente vista la crisi endemica in cui versa il Ssn: mancano letti, personale sanitario, farmaci, e sono in atto vere e proprie ingiuste discriminazioni verso gli strati più fragilidella popolazione: lo denuncia la Federazione delle Cure palliative, e la Società Italiana di Geriatria e Gerontologia (Sigg), le associazioni che si occupano di persone con disabilità. Sarete quindi certamente interessati a scoprire in che misura le risorse dei contribuenti sono state impiegate per l'implementazione della legge 194, e in che misura queste spesa ha ottenuto gli scopi che il legislatore 40 anni fa diceva di perseguire attraverso la legalizzazione dell'aborto". Così in un messaggio Toni Brandi, presidente di Pro Vita e famiglia, in occasione della presentazione a Roma del rapporto sui costi di applicazione della legge 194.

Noia (Gemelli Roma): c'è alternativa a eugenetico, anzi tre

 "Esiste una risposta scientifica all'aborto eugenetico che è aumentato più di 10 volte in 30 anni? Sì, esiste! L'articolo 5 della legge 194 dice di dare un'alternativa all'aborto eugenetico. E la risposta è che esistono tre alternative: 1) in caso di anomalie cromosomiche si può proporre l'assunzione di antiossidanti alla madre per ridurre il danno neurocognitivo come dimostrato in letteratura; 2) in caso di malformazioni strutturali, senza alterazioni cromosomiche, si possono proporre terapie fetali invasive e non invasive eco guidate e/o trattamenti palliativi; 3) in caso di condizioni di gravi e complesse patologie si può proporre l'alternativa dell'accompagnamento come riferisce il Cdc di Atlanta: 'ci sono molti genitori che desiderano accompagnare I loro figli gravemente malati fino alla fine'. Per cui esiste una scienza prenatale che al di là dei fattori ideologici fornisce risposte scientifiche, etiche e umane". Lo ha detto Giuseppe Noia, direttore Hospice perinatale - Centro per le Cure Palliative Prenatali del Policli ico Gemelli, docente Medicina Età Prenatale Ucsc e presidente Associazione Italiana Ginecologi e Ostetrici Cattolici, in occasione della presentazione a Roma del primo Rapporto sui costi di applicazione della legge 194.

Boscia (Amci): soldi sprecati ivg, serve tutela valore maternità

 "Viene legittimo chiedersi perché tale spesa, per una prestazione non indispensabile bensì fortemente voluttuaria, debba essere a carico di tutti, anche di chi è per la vita e per principio o per fede è decisamente contrario all'aborto, mentre contribuendo ad essa si sentirebbe complice sebbene involontario di un vero e proprio omicidio, all'interno di quella che è la 'congiura contro la vita', come ebbe a dire Giovanni Paolo II nell'enciclica Evangelium vitae. Con il denaro sprecato per le interruzioni di gravidanza si potrebbe invece incentivare l'aspetto preventivo, se non altro aiutando le gravide in difficoltà, proprio in nome dell'importanza del 'valore sociale della maternità' e dell'inderogabile 'tutela della vita umana fin dal suo inizio' come previsto dalla stessa Legge 194/78 all'articolo 1". Lo ha detto Filippo Maria Boscia, già direttore della Cattedra di Fisiopatologia della riproduzione umana all'Università di Bari, consulente di ostetricia e ginecologia presso l'ospedale Santa Maria-Gmv di Bari, e presidente dell'Associazione Medici Cattolici Italiani, in occasione della presentazione a Roma del primo Rapporto sui costi di applicazione della legge 194.

Rocchi (Unifi): mette a rischio la salute delle donne

"Perchè continuare a finanziarlo con i soldi dei contribuenti?". "La drammatica esperienza della pandemia ha mostrato con chiarezza che le risorse per il sistema sanitario non sono illimitate. L'aborto mette a rischio la salute delle donne, la legge 194 non previene l'aborto clandestino: perché continuare a finanziare il diritto d'aborto con i soldi dei contribuenti?". Lo ha detto Benedetto Rocchi, professore associato al Dipartimento di Scienze per l'Economia e l'Impresa dell'Università di Firenze, in occasione della presentazione a Roma del rapporto sui costi di applicazione della legge 194.

Poleggi (Pro vita): da mld spesi nessun beneficio a società

"Vengono nascoste gravi conseguenze su psiche e fisico donne. Da questa ricerca risulta chiaramente che i miliardi dei contribuenti spesi per finanziare l'aborto legale non hanno portato alcun beneficio alla società. E non sono serviti neanche a tutelare la salute delle donne: gli aborti clandestini continuano indisturbati e le gravi conseguenze che l'aborto volontario può avere sulla psiche e sul fisico delle donne vengono negate e nascoste omertosamente". Lo ha detto Francesca Romana Poleggi, docente di Discipline giuridiche ed economiche, direttore editoriale del mensile Notizie Pro Vita & Famiglia, in occasione della presentazione a Roma del rapporto sui costi di applicazione della legge 194.

Martinolli (Asugi Trieste): conseguenze su società intera

"Per comprendere un fenomeno, uno dei metodi più utilizzati (specie dalla scienza) è quello di osservare e descrivere le conseguenze che esso ha sulla società e sugli uomini. Questo ci ha permesso di vedere cos'è realmente l'aborto e di farlo vedere alla società intera". Lo ha detto Stefano Martinolli, dirigente medico presso l'Azienda Sanitaria Universitaria Giuliano Isontina a Trieste, in occasione della presentazione a Roma del rapporto sui costi di applicazione della legge 194. Secondo quanto emerso, in 42 anni sarebbero stati spesi per le ivg circa 5 miliardi di euro.

Articoli Correlati

Diritto alla vita, ecco il documento della diocesi reggina

Pochi mesi dopo l’episodio del manifesto censurato a Reggio Calabria, nove esperti incaricati dall’arcidiocesi di Reggio Calabria – Bova si sono dedicati alla stesura di un Documento, dal titolo ”Siate sempre pronti a rispondere a chiunque vi domandi ragione della speranza che è in voi” che approfondisce tre tematiche: il diritto alla vita; il diritto alla libertà di coscienza e il diritto di esprimere liberamente il proprio pensiero.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.