Avvenire di Calabria

Il generale dei carabinieri Saverio Cotticelli è il nuovo Commissario per la sanità della Calabria

Adesso è ufficile, un carabiniere guiderà la Sanità calabrese

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il generale dei carabinieri Saverio Cotticelli è il nuovo Commissario per la sanità della Calabria. Lo ha scritto, in un post su facebook, il Ministro della Sanità, Giulia Grillo. Subcommissario é stato nominato Thomas Schael. Finisce l'era di Massimo Scura. Commissario anche per il Molise, con la nomina del generale della Guardia di finanza Angelo Giustini.

"Legalità, trasparenza e competenza - ha commentato il Ministro Grillo - per la salute dei cittadini! I commissari ad acta sono figure di garanzia. Si tratta di nomine cruciali per questi territori, che hanno non solo difficoltà di bilancio, ma soprattutto non riescono a dare ai cittadini il livello di servizi sanitari che la legge richiede. I cittadini della Calabria e del Molise hanno diritto a una sanità migliore e a servizi efficienti. Le personalità designate stasera dal Cdm hanno tutti i requisiti per fare un buon lavoro. Voglio rassicurare molisani e calabresi che l'impegno del Governo è totale per risollevare la sanità delle loro regioni".

Articoli Correlati

Cittadella dell’Immacolata, oasi di pace per i bimbi ucraini

Dagli scenari di guerra alla protezione della Cittadella dell’Immacolata di Bagnara: bambini ucraini in fuga ritrovano la pace nell’estremo lembo dello Stivale e, soprattutto, la gioia di poter giocare nuovamente insieme, senza alcun pericolo.

Violenza di genere, la mamma ferita: «Così sono rinata»

Una storia di maltrattamenti consumata tra le mura domestiche, può trasformarsi in un vero e proprio esempio per quante hanno ancora paura di dire «basta». La testimonianza della giovane donna, finalmente uscita dal tunnel in cui era piombata: «Oggi mi sento finalmente donna, grazie al Centro antiviolenza “Angela Morabito” di Reggio Calabria e all’amore di mia figlia»