Attendiamoci in aula, cresce l’impegno educativo nelle scuole – avveniredicalabria

avveniredicalabria

Attendiamoci in aula, cresce l’impegno educativo nelle scuole

Laboratori con gli studenti del Piria e corsi di formazione al Volta e al Boccioni-Fermi

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’associazione Attendiamoci onlus è sempre più vicina ai giovani e al mondo della scuola. Gli studenti dell’Istituto tecnico “Raffaele Piria” hanno varcato il portone del Villaggio dei Giovani per vivere esperienze dirette sul campo, attraverso i laboratori tematici e acquisire così competenze spendibili poi nel mercato del lavoro. Trenta ragazzi hanno vissuto questa esperienza per due giorni intensi ed è stato solo l’inizio di un cammino già avviato con l’istituto “Piria” che ha firmato una convenzione dei percorsi in alternanza scuola-lavoro.

Attendiamoci onlus è impegnata ad accompagnare il giovane nella sua crescita attraverso la dimensione lavorativa, nella certezza che la prima grande palestra-impresa da realizzare è vivere al meglio la propria esistenza.

Attendiamoci onlus ha partecipato attivamente anche alla Settimana dello studente attraverso il suo gruppo di giovani “Medici di Frontiera”: già operativi da due anni su quelle “frontiere” temporali in cui una persona transita da una condizione ad un’altra.

I Medici di Frontiera al Liceo scientifico “A. Volta” di Reggio Calabria hanno incontrato i ragazzi della città e hanno fornito consigli utili per superare i test di ingresso nelle università a numero chiuso e hanno inoltre parlato agli studenti delle conseguenze che ci sono sull'organismo legate all'abuso di fumo e droghe nella certezza che è indispensabile conoscere per essere consapevoli e capaci di scelte libere.

I Medici di Frontiera i prossimi 20 e 27 marzo entreranno anche all’Istituto superiore “Boccioni-Fermi” per parlare ai ragazzi di HIV e prevenzione.

Attendiamoci onlus, dunque, non solo accoglie gli studenti durante il loro cammino formativo ma anche entra nelle scuole, con i suoi esperti e proprio a tal fine ha firmato un protocollo anche con l’Istituto superiore “Boccioni-Fermi” per collaborare al progetto “La scuola che vorrei: percorsi e idee nuove per alunni “efficaci”, nell’ambito del Pon del Miur intitolato “Per la Scuola – competenze ed ambienti per l’apprendimento” che punta a creare un sistema e formazione di elevata qualità.

Articoli Correlati

Kosovo: militari italiani donano personal computer a studenti

Il progetto del Cimic – Cooperazione civile militare, consentirà ai ragazzi di utilizzare strumenti all’avanguardia per la didattica, rispondendo a una delle priorità della missione Kfor che mira all’accesso all’istruzione senza distinzione etnica.

Autismo, riabilitazione: il progetto Tartaruga-Derbbi

L’Istituto di Ortofonologia (IdO) sposta il focus sulla dimensione corporea, intesa come la sede principale di ogni vissuto emotivo del bambino e come veicolo per la strutturazione di forme comunicativo-relazionali.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.