Beni culturali ecclesiastici, siglato accordo Cei-Google – avveniredicalabria

avveniredicalabria

Beni culturali ecclesiastici, siglato accordo Cei-Google

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Google ha siglato un accordo con la Cei in base al quale dà alla Cei, tramite l’Ufficio nazionale per i beni ecclesiastici e l’edilizia di culto, la possibilità di interagire con il suo portale Google Arts & Culture.

Il portale, lanciato il 1° febbraio 2011, è una raccolta online di immagini in alta risoluzione di opere d’arte esposte in vari musei in tutto il mondo e consente una visita virtuale delle gallerie in cui esse sono esposte.

“L’accordo – spiega al Sir Daniele Busolini del suddetto Uffico Cei, a margine del convegno sui beni ecclesiastici in corso a Roma – sarà successivamente sottoscritto da Google con ogni singolo fruitore (diocesi o istituto culturale) e prevede la possibilità di pubblicarne i contenuti, sia in forma di immagini che di contenuti scientifici, nel suo portale”.

“Sono contenuti di Google – precisa Busolini -: cioè Google mette a disposizione la tecnologia, avanzatissima perché si tratta di foto in altissima risoluzione, Street View, riprese 3D, per rendere fruibili nel suo portale quelli che sono i nostri contenuti, rimanendone lui proprietario.

L’aspetto positivo dell’intesa è la straordinaria visibilità che ha il portale già supportato da più di 100 istituti culturali nel mondo”. L’accordo preliminare è già attivo, “ma ci sono accordi in via di definizione perché l’istituto culturale che si presenta per immettere i propri contenuti nel portale deve essere in possesso di alcuni requisiti minimi.

L’accordo è quindi tra Google e singolo istituto e dipende da quello che verrà pubblicato e dalle modalità della pubblicazione”. Quale il ruolo della Cei e chi ha sottoscritto l’accordo? “Noi abbiamo solamente un ruolo di collegamento, di ponte tra Google ed istituti culturali. Proponiamo questa possibilità alle diocesi o agli istituti culturali; se sono interessati entrerà in scena Google. La Cei potrebbe fare da garante e coordinatore tra i vari istituti. A siglare l’accordo con il nostro Ufficio è stata la Segreteria generale”.

Articoli Correlati

Nuovi contributi regionali per l’animazione di beni culturali

Aperto a soggetti pubblici e privati, in forma singola o associata, che dimostrino di esercitare da almeno due anni la gestione di un bene culturale (quali ad esempio aree archeologiche, anfiteatri, musei, edifici storici, castelli, biblioteche etc.)

Patrimonio archeologico, Mibact stanzia 100mila euro per Reggio

L’attività consiste in una ricerca bimestrale del «sommerso», cioè le valutazione dell’area archeologica che si suppone sia in mare. I primi riscontri hanno portato al rinvenimento di anfore e relitti di navi nell’area davanti al Lungomare Falcomatà.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.