Avvenire di Calabria

La parrocchia del reggino diventa una spazio di incontro. "L'obiettivo dei sacerdoti è di allenare al pensiero critico, al confronto, al dialogo"

Campo Calabro, «riflettere sull’oggi stando insieme»

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Maria Pascuzzi - Gli incontri, organizzati dalla parrocchia di Campo Calabro (Reggio Calabria), sono coordinati da don Francesco Megale e don Nino Palmenta, tenuti da don Tonino Sgrò, docente di Esegesi, direttore dell’Istituto Teologico PIO XI, si snodano con cadenza mensile, su temi che affondano le radici nell’humus delle Sacre scritture e si dispiegano, in maniera interdisciplinare e interattiva, su temi contemporanei.
Nella nostra comunità è sentita l’esigenza di delineare, nell’ambito delle attività pastorali uno spazio per l’incontro. Con l’obiettivo, da parte dei sacerdoti che reggono la nostra comunità, di allenare al pensiero critico, al confronto, al dialogo. D’altra parte il tessuto culturale del nostro paese ritrova i contenuti migliori della propria essenza nei momenti di aggregazione. Rem tene, verba sequuntur. Possiedi i concetti, le parole seguono. Possediamo una tradizione cattolica molto salda ma vogliamo fare ancora per concorrere alla formazione di un coscienza collettiva. Vogliamo esserci, combattere con la parola, aprirci all’altro. Abbiamo voluto introdurre tra noi la dimensione generativa dello stare insieme, curare la soggettività, la visione del mondo, la qualità delle emozioni, il grado del sentimenti. Stare insieme è ragionamento, discussione, modulazione dello stile della comunicazione. Ogni incontro è incrocio, contaminazione, mutamento. Le parole, mai evanescenti, immateriali e teoriche, che affondano le radici nelle Sacre Scritture, fanno scorrere emozioni, costituiscono un linguaggio caldo. Attraverso le parole conosciamo parabole, metafore. Esse rotolano nell’aria e si annidano nello spazio dell’anima, fanno sentire che non c’è strada senza bellezza, sia quella del rito sia quello dell’incontro. Parlare e ascoltare significa capire e amare gli altri, scommettere sulle tre "i": intra, accedere nel cuore degli altri, intus, cogliere i problemi nella loro profondità e inter, relazionarsi, educare alle domande e ai dubbi. Incontri completi dunque: enkyklios, circolari. L’ incontro come forza di giustizia e pietra angolare della civitas, nella quale si compone la difficile bellezza del bene comune. Ci siamo assunti il diritto di dissotterrare il notum dei padri ma di coniugarlo con il novum, l'inatteso. Il dovere della tradizione intrecciata a uno spazio di riflessione. Questa l’occasione offerta, questa la modalità: essere immersi in un esausto movimento dell’animo.

Articoli Correlati

Il santo del giorno del 27 luglio è san Pantaleone

Il santo del giorno del 27 luglio è san Pantaleone

San Pantaleone compare sia nel gruppo greco dei medici «anargiri» sia nel gruppo occidentale dei Quattordici Intercessori. Un santo che “unisce” la Laguna veneziana all’Area grecanica reggina. Scopri perché.

Monsignor Vittorio Mondello: «Fede e magistero, ecco chi è il vescovo»

«Il vescovo è principio e fondamento visibile dell’unità della Chiesa particolare, come il Papa è principio e fondamento visibile della Chiesa Universale». Cosa significa tutto questo? A spiegarlo è monsignor Vittorio Mondello, arcivescovo emerito della diocesi di Reggio Calabria – Bova ed ecclesiologo.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.