Avvenire di Calabria

Il commento del sacerdote, ispettore generale dei cappellani delle carceri italiane

Caso-Cucchi, don Grimaldi: «Rispettare dignità degli arrestati»

A ventiquattro ore dalla confessione del pestaggio da parte di un carabiniere

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Verso tutti coloro che sono fermati dalle forze dell’ordine, poveri, immigrati, tossicodipendenti, il primo atteggiamento da assumere è il rispetto, a prescindere da quello che hanno commesso. Sarà, infatti, la giustizia, poi, a dare le sue risposte. Anche quando una persona viene colta in flagrante, non si deve usare la violenza né abusare del proprio potere”: è il commento a caldo di don Raffaele Grimaldi, ispettore generale dei cappellani delle carceri italiane, in merito all’ammissione del pestaggio di Stefano Cucchi da parte di uno degli imputati, il carabiniere Francesco Tedesco, che ha anche chiamato in causa i suoi colleghi dell’Arma, coimputati per l’omicidio preterintenzionale del geometra arrestato per spaccio di droga il 15 ottobre 2009 e morto in ospedale una settimana dopo. “Non sempre i pestaggi vengono alla ribalta: non tutti hanno il coraggio di denunciare. Mi auguro – affema don Grimaldi – che quanto avvenuto segni una svolta, anche perché di solito vittime di questi pestaggi sono i poveri, quelli che non hanno voce, che non sanno difendersi, che non hanno famiglie alle spalle”. Non solo: “Spero che il caso Cucchi accresca la responsabilità di chi ha in mano un potere, come quello di arrestare e portare in carcere le persone. È un’occasione per chi svolge il proprio lavoro con rigore e impegno di aver maggiore consapevolezza dell’importanza del rispetto della dignità altrui”. Al tempo stesso, don Grimaldi spezza una lancia a favore delle forze dell’ordine, “tante volte aggredite nello svolgimento del loro lavoro a difesa della legalità, anche a rischio della vita”.

Articoli Correlati

Detenuto in carcere

Una nuova cultura della pena e non soltanto nuove carceri

I «mattoni» con cui si vogliono costruire i penitenziari devono contenere un’idea e realizzare strutture finalizzate alla riabilitazione, non alla segregazione. Ecco perché è indispensabile maturare una nuova cultura della pena.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.