Avvenire di Calabria

Il sindaco Falcomatà ha lanciato “Più tempo per te”

Comune, il tesoretto solidale

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il sindaco Giuseppe Falcomatà ha lanciato “Più tempo per te”. Si tratta di una modalità di attuazione di quanto previsto dal Jobs Act in ordine alla possibilità di cedere ferie e permessi tra lavoratori per assistere i figli che necessitano di cure costanti attraverso la costituzione della banca ore solidale tra dipendenti. In attesa che i contratti collettivi, stipulati dalle associazioni sindacali perfezionino le condizioni e le modalità di esercizio del diritto previsto dall’art. 24 del Decreto legislativo 151/2015, da Reggio Calabria, l’amministrazione Falcomatà vuole lanciare un preciso impulso ad «offrire il proprio tempo» per la costituzione di una sorta di “tesoretto” iniziale, grazie alla collaborazione e disponibilità offerta da tutti i dipendenti comunali. La proposta è d’avanguardia, non ha precedenti all’interno di altre pubbliche amministrazioni, tuttavia ha riscontrato immediatamente il favore dei dipendenti comunali, basti pensare che a pochi giorni dalla sua attuazione, sono stati donati 1000 minuti. Ecco quanto dichiara il sindaco Giuseppe Falcomatà: «Attraverso lo strumento della condivisione e della partecipazione riusciamo ad anticipare e costruire strumenti innovativi anche rispetto ai tempi della normativa nazionale, come già accaduto in occasione del registro delle unioni civili nel 2014, e al registro delle dichiarazioni anticipate di volontà sui trattamenti sanitari che il nostro comune ha istituito già nel 2015». Continua il primo cittadino: «È questa l’unica strada che ci consente di abbattere le barriere per tracciare i nuovi bisogni e individuare risposte innovative. Da qui la libertà di chiedere di disporre meglio del proprio tempo per esigenze familiari e di salute, all’interno di una grande famiglia che è l’amministrazione pubblica». Questa iniziativa certamente può essere un sostegno attivo a quanti in famiglia vivono condizioni di difficoltà con degli affini non autosufficienti.

Articoli Correlati

Covid: ipotesi quarantena frena le ferie all’estero a Natale

Scoraggiati 2,1 milioni di italiani che lo scorso anno hanno trascorso almeno parte delle vacanze di fine anno all’estero. I limiti alle vacanze sulla neve in Italia rischiano di avere effetti non solo sulle piste da sci ma sull’intero indotto del turismo in montagna

24 milioni di italiani non andranno in vacanza questa estate

Tra i motivi di chi resterà a casa le difficoltà economiche, la paura del contagio, le ferie finite. Il 90,2 % dei vacanzieri rimarrà in Italia. Chi si sposta lo farà prevalentemente in auto, e alloggerà soprattutto in case prese in affitto

Al sud resiste il mito del posto «garantito»

In Calabria una persona su cinque è pagata dallo Stato. Il dato crolla nel nord del Paese In Piemonte ci si ferma al 10%. La denuncia di Giordano della Cisl Fp «Si pagano le assenze di presidi industriali»

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.