Conpait: «Per ripartire, servono subito 6 leve economiche» – avveniredicalabria

avveniredicalabria

Il settore della ristorazione è tra i più colpiti dalla crisi indotta dalla pandemia di coronavirus

Conpait: «Per ripartire, servono subito 6 leve economiche»

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

«Il settore della ristorazione è tra i più colpiti dalla crisi indotta dalla pandemia di coronavirus. Le azioni di supporto e di stimolo all’economia messe in campo dal Governo vanno nella giusta direzione ma non sono sufficienti per far ripartire un comparto che dopo aver subito la chiusura forzata, oggi fa i conti con una riapertura vincolata pesantemente dalle norme anti contagio», queste le dichiarazioni del presidente nazionale Conpait Angelo Musolino che prosegue, «ecco perché, Conpait, la Confederazione Pasticceri Italiani che ho l’onore di presiedere, insieme ad altre 30 realtà associative e consortili rappresentative di oltre 100.000 operatori tra cuochi, ristoratori, pizzaioli, panificatori, pasticceri, cioccolatieri, gelatieri e responsabili di sala, riuniti nel progetto #FareRete, chiede l’adozione di misure economiche, indispensabili per sostenere concretamente la ripresa:
1. 18 settimane di cassa integrazione, consecutive e non frammentate, con la possibilità di prolungamento fino al 31.12.2020 per un reintegro calmierato;
2. il ristoro del 100% degli affitti per i mesi di chiusura forzata con credito trasferito per legge al locatore e l’applicazione della L.431/98 (affitto calmierato cedolare secca) anche per il commerciale;
3. l’esenzione del pagamento Imu;
4. il prolungamento biennale della concessione del suolo pubblico;
5. il superamento della criticità legata alla responsabilità civile e penale in campo all’articolo 42 del Decreto Cura Italia;
6. la detassazione sulle risorse umane per gli oneri contributivi e assistenziali e dei benefits sino al 30 giugno 2021 estesa anche alle nuove assunzioni.
Solo con azioni concrete e immediate come queste si potrà realmente tutelare un settore strategico per l’economia e il Made in Italy».

Articoli Correlati

Covid-19. Altri 228 casi positivi in Calabria

Sono 228 i nuovi casi accertati in Calabria. È quanto emerge dall’ultimo bollettino del dipartimento tutela della salute della Regione Calabria. Secondo gli ultimi dati è la provincia di Reggio ad aver fatto registrare il più alto numero di positivi all’esito degli ultimi tamponi. In tutto 120.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.