Avvenire di Calabria

La presidenza nazionale ha scritto ai delegati regionali e diocesani chiedendo di non sospendere le attività di prossimità

Coronavirus, l’appello della Caritas: «Non abbandonare i poveri»

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

«A tutti, nella consapevolezza della delicatezza e della gravità della crisi che ci ha sorpreso, è chiesta responsabilità e solidarietà e di assumere con serietà le limitazioni e i sacrifici necessari». Ma «se la dimensione della Parola, quella dei Sacramenti e quella comunitaria subiscono inevitabili limitazioni, non può invece venire meno la dimensione della carità».

È l’appello contenuto nella lettera inviata oggi da Caritas italiana a tutti i delegati regionali, ai direttori delle Caritas diocesane e agli operatori della Caritas, firmata dal presidente, monsignor Carlo Roberto Maria Redalli, e dal direttore, don Francesco Soddu. «Le comunità cristiane accettano con spirito di lealtà e di collaborazione quanto chiesto dalle autorità competenti per affrontare nel migliore dei modi l’epidemia e limitare il contagio – scrivono – anche se ciò le priva di qualcosa di importante per loro come la celebrazione dell’Eucarestia, la possibilità di pregare insieme, le attività di evangelizzazione e di catechesi, i momenti di incontro». Caritas italiana invita a proseguire nelle attività caritative «con tutte le cautele del caso e con la prudenza necessaria, senza esporsi ed esporre altri ad inutili rischi». «Non possono venire meno i servizi essenziali a favore dei poveri – sottolineano i vertici Caritas – quali le mense, gli empori, i dormitori, i centri di ascolto, eccetera, che le Caritas a livello diocesano e parrocchiale assicurano quotidianamente». Né «possono essere trascurati i nuovi bisognosi di oggi e inevitabilmente di domani», «gli anziani spesso soli con le loro paure, le famiglie che si devono far carico dei figli che non possono frequentare le scuole, i lavoratori lasciati a casa con preoccupanti prospettive per il futuro, i rifugiati, i detenuti, gli ammalati (anche di altre malattie)».

L’auspicio è che «con il vostro impegno e la vostra testimonianza, altre persone, vincendo comprensibili paure, si sentano impegnate a collaborare con voi o comunque a vivere una reale attenzione a chi è nel bisogno».

Articoli Correlati

Alloggi popolari

Alloggi popolari, un tetto non basta: dislocare per includere davvero

Caos alloggi popolari a Reggio Calabria. Muro contro muro tra Comune e associazioni dei beneficiari, sbagliato accentrare in un unica area. La Caritas reggina analizza i dati a propria disposizione su analfabetismo in età adulta e abbandono scolastico nei quartieri a rischio.