Avvenire di Calabria

Il rapporto "Averting a lost Covid generation": «Scuole e servizi aperti per evitare una generazione perduta»

Coronavirus, Unicef: bambini sono 1 caso su 9 in 87 Paesi

Patrizia Caiffa

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

In in 87 Paesi del mondo i bambini e gli adolescenti sotto i 20 anni di età rappresentavano 1 su 9 dei casi di contagi da Covid-19, ovvero l'11% dei 25,7 milioni di casi segnalati in questi Paesi. Sono alcuni dei dati forniti ieri nel rapporto dell'Unicef "Averting a lost Covid generation" (“Evitare una generazione perduta a causa del Covid”), che delinea «le disastrose e crescenti conseguenze per i bambini causate dall'avanzare della pandemia». Nel rapporto si legge che i bambini possono trasmettersi il virus l'un l'altro e alle fasce d'età più adulte, ma vi sono «forti evidenze del fatto che, con le misure di sicurezza di base in vigore, i benefici concreti derivanti dal mantenimento delle scuole aperte superano i costi di chiusura delle stesse. Le scuole non sono il principale veicolo di trasmissione nella comunità - sottolinea il report dell'Unicef - e i bambini hanno maggiori probabilità di contrarre il virus al di fuori dell'ambiente scolastico». Secondo il rapporto «le interruzioni dei servizi sanitari e sociali fondamentali per i bambini causate dal Covid rappresentano la minaccia più grave per i bambini». Utilizzando i nuovi dati di sondaggi condotti in 140 Paesi, il rapporto rileva che «circa un terzo dei Paesi analizzati ha registrato un calo di almeno il 10% nella copertura di servizi sanitari come le vaccinazioni di routine, l'assistenza ambulatoriale per le malattie infettive pediatriche e i servizi sanitari per le madri» a causa della paura del contagio. C'è un calo del 40% nella copertura dei servizi di nutrizione per donne e bambini in 135 Paesi. A ottobre 2020, 265 milioni di bambini perdevano ancora i pasti scolastici a livello globale. Più di 250 milioni di bambini sotto i 5 anni potrebbero perdere i benefici dei programmi di integrazione di vitamina A, che proteggono la vita. 65 Paesi hanno registrato una diminuzione delle visite a domicilio degli assistenti sociali a settembre 2020, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.