avveniredicalabria

Arrestato Gennaro Marsiglia, sindaco del piccolo centro cosentino di Aieta

Corruzione nei comuni calabresi, ancora un sindaco in manette

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il sindaco di Aieta, Gennaro Marsiglia, è stato arrestato dalla Guardia di finanza di Scalea con l'accusa di corruzione e turbativa d'asta nell'ambito di un'operazione denominata "Appalto Amico" coordinata dal procuratore della Repubblica Pierpaolo Bruni. Assieme a Marsiglia sono stati arrestati Andrea Biondi, rappresentante di una cooperativa impegnata nella fornitura di servizi per l'ente comunale, e la moglie del sindaco di Aieta, Chiara Benvenuto, vicepresidente e dipendente di un'altra società cooperativa fornitrice, posta ai domiciliari. I provvedimenti sono stati emessi dal gip di Paola Rosamaria Mesiti su richiesta della Procura e fanno riferimento a procedure riguardanti il settore della raccolta dei rifiuti, il servizio assistenza scolastica per persone diversamente abili, servizio supporto Ufficio tributi, gestione mense scolastiche. L'indagine ha riguardato la gestione di diversi appalti pubblici nei Comuni di Buonvicino, Maierà e altri enti dell'Alto Tirreno Cosentino.

Articoli Correlati

Messa crismale a Cosenza, Nolè: «Oggi è la nostra Pasqua»

“L’unzione che abbiamo ricevuto il giorno della nostra consacrazione non può lasciarci statici e pigri nel ministero che ci è stato affidato. Il Signore ci invita a rinnovare il nostro sì e la nostra fedeltà”, così l’arcivescovo bruzio

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.